17 nov 2021
Pensioni

Ape sociale: cos’è, come funziona, calcolo e requisiti

Il trattamento pensionistico Ape sociale permette di anticipare la pensione di vecchiaia, ma si rivolge soltanto a determinate categorie di lavoratori: ecco quali sono e quali i requisiti che devono possedere.





A chi spetta l’Ape sociale


La pensione Ape sociale può essere richiesta:


I lavoratori dovranno essere in posesso di alcuni requisiti specifici, ovvero dovranno rientrare in una delle seguenti categorie:


Ape sociale

Lavori usuranti: quali sono


Tra le attività gravose che consentono di avere accesso all’Ape sociale, ci sono quelle svolte da:

  1. operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
  2. conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  3. conciatori di pelli e di pellicce;
  4. conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  5. conduttori di mezzi pesanti e camion;
  6. personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  7. addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
  8. insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido;
  9. facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati;
  10. personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  11. operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti;
  12. operai dell’agricoltura, della zootecnia e della pesca;
  13. pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative;
  14. lavoratori del settore siderurgico di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi nella normativa del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67;
  15. marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini e in acque interne.

I contributi richiesti alla donne per ottenere la pensione Ape sociale sono ridotti di 12 mesi per ogni figlio, per un limite massimo di 2 anni. 

A questo proposito leggi anche: “Pensione anticipata per le donne lavoratrici“.

Ape sociale 2022: le novità


A partire dal 2022, l’elenco dei lavori usuranti sarà incrementato: ai 15 lavori già individuati, si aggiungeranno altre 23 categorie, nonostante in un primo momento fosse stato stilato un elenco di 92 mansioni totali.

Salvo ulteriori modifiche previste in un momento successivo, i nuovi lavori gravosi previsti dal Governo sono stati raccolti nella tabella che segue:

 Professori di scuola primaria, pre–primaria e professioni assimilate
 Tecnici della salute
Addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilate
 Professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali
 Operatori della cura estetica
 Professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati
 Artigiani, operai specializzati, agricoltori
 Conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali
 Operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli
 Conduttori di forni ed altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati
 Conduttori di impianti per la trasformazione del legno e la fabbricazione della carta
 Operatori di macchinari e di impianti per la raffinazione del gas e dei prodotti petroliferi, per la chimica di base e la chimica fine e per la fabbricazione di prodotti derivati dalla chimica
 Conduttori di impianti per la produzione di energia termica di vapore, per il recupero dei rifiuti e per il trattamento e la distribuzione delle acque
 Conduttori di mulini e impastatrici
 Conduttori di forni e di analoghi impianti per il trattamento termico dei mineral
 Operai semiqualificati di macchinari fissi per la lavorazione in serie e operai addetti al montaggio
 Operatori di macchinari fissi in agricoltura e nella industria alimentare
 Conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento 
Personale non qualificato addetto allo spostamento e alla consegna merci
 Personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, navi, ristoranti, aree pubbliche e veicoli
 Portantini e professioni assimilate
 Professioni non qualificate nell’agricoltura, nella manutenzione del verde, nell’allevamento, nella silvicoltura e nella pesca
 Professioni non qualificate nella manifattura, nell’estrazione di minerali e nelle costruzioni

Come funziona Ape sociale


Nel caso in cui si rientrasse nei requisiti richiesti per avere accesso ad Ape sociale, il contributo economico sarà versato dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda

L’indennizzo viene erogato su base mensile per 12 mesi all’anno fino al raggiungimento dei 67 anni, ovvero quando è stata raggiunta la pensione di vecchiaia. Non prevede né la tredicesima né la quattordicesima. 

Per quanto riguarda l’importo, non è mai superiore a 1.500 euro. Nel momento in cui viene calcolato, è possibile procedere con il cumulo dei contributi qualora siano stati versati presso gestioni differenti. 

Leggi anche: “Pensione anticipata 2022“.

Ape sociale

Come fare domanda


I lavoratori che abbiano compiuto 63 anni e che rispettino anche i requisiti contributivi relativi alle categorie citate in precedenza, potranno richiedere l’Ape sociale. Si ricorda anche che si potrà accedere al beneficio solo in caso di cessazione dell’attività di lavoro dipendente, autonomo e parasubordinato svolta in Italia o all’estero.

L’unica eccezione è rappresentata dal caso in cui i redditi derivanti da lavoro dipendente o parasubordinato non superino gli 8.000 euro lordi annui e quelli da lavoro autonomo non superino i 4.800 euro lordi annui, pena la decadenza del beneficio. 

Il primo passo per ottenere l’Ape sociale consiste nella domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso. Nel caso in cui quest’ultima dovesse avere esito positivo, si potrà presentare la domanda vera e propria, che dovrà essere inoltrata telematicamente e rivolta alle sedi territoriali INPS di competenza. 

Ape sociale – Domande frequenti


Quali sono i requisiti per andare in pensione con l’Ape sociale?

I requisiti per accedere al trattamento pensionistico Ape sociale dipendono non solo dall’età, ma anche dall’attività svolta, che dovrà rientrare in uno dei lavori gravosi previsti dalla legge.

Quanto si prende con l’Ape sociale?

L’importo massimo che si potrà ricevere fino al raggiungimento dell’età pensionabile è pari 1 .500 euro lordi: clicca qui per sapere come funziona.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!