19 feb 2021
Tasse e imposte

Aumento aliquote partita IVA

La legge di Bilancio 2021 ha portato all'introduzione del cosiddetto bonus Iscro, il quale provocherà un aumento dei contributi da versare da parte di chi è iscritto alla Gestione separata INPS. Vediamo di seguito cosa cambierà.



Cos’è il bonus Iscro


Il bonus Iscro è una sorta di cassa integrazione che sarà riservata ai lavoratori autonomi: nella pratica, sarà finanziata con un rincaro dei contributi che partirà dalla prossima dichiarazione dei redditi. 

A farne i conti saranno i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata INPS, i quali andranno incontro a un aumento dell’aliquota aggiuntiva. 

Quest’ultima aumenterà;


Aumento dei contributi per le partite IVA


Per il 2020 l’aliquota dei contributi previsti per gli autonomi iscritti alla Gestione separata corrisponde al 25,72%: in tale cifra, lo 0,72% è la quota relativa al finanziamento dell’indennità di maternità.

Gli aumenti previsti porteranno l’aliquota:


I lavoratori che subiranno tale aumento non dovranno essere né pensionati, né essere assicurati da altre Gestione di previdenza. 

aumento aliquota partita iva

Come cambiano i contributi nel 2021


Nella pratica, la percentuale di contributi che i professionisti iscritti alla Gestione separata dovrà versare nel 2021, che è pari al 25.98%, è data dalla somma:


Per gli altri lavoratori, ovvero coloro i quali sono già pensionati o sono assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie, l’aliquota è pari al 24% sia nel caso dei collaboratori e delle figure assimilate, sia per i professionisti. 

Aliquote 2021: il quadro completo


Nella tabella che segue sono state riportate tutte le aliquote relative alla Gestione separata per il 2021

Tipologia professionistaAliquota
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali si prevede la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL34,23% (33,00% IVS + 0,72% + 0,51% di aliquote aggiuntive)
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non si prevede la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL33,72% (33,00% IVS + 0,72% di aliquota aggiuntiva) 
Soggetti titolari di pensione o di altre tutele pensionistiche obbligatorie24%
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie25,98% (25,00% IVS + 0,72% di aliquota aggiuntiva + 0,26% di Iscro)

Come funziona il versamento dei contributi


I professionisti che sono iscritti alla Gestione separata INPS hanno l’onere di dover versare i contributi in autonomia, tramite il modello F24 telematico, nel rispetto delle scadenze annuali che prevedono il saldo del 2020 e l’acconto per il 2021. 

Nel caso dei professionisti in collaborazione, invece, l’obbligo spetta al committente, che dovrà versare i contributi entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui il collaboratore è stato pagato. 

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!