28 giu 2022
Bonus e Agevolazioni statali

Come richiedere il bonus 200 euro

Chi ha diritto a ricevere il bonus 200 euro? Come si richiede e quando arriva? Ecco cosa cambia per i lavoratori dipendenti, gli autonomi, i pensionati, i disoccupati, chi riceve il RdC e tutti i soggetti che possono richiederlo.

Il bonus 200 euro è un contributo una tantum, quindi che si può ricevere una sola volta, introdotto dal decreto Aiuti, destinato a una platea di beneficiari pari a 31,5 milioni di persone. 

Il suo obiettivo è quello di sostenere i contribuenti meno abbienti a contrastare l’inflazione e il difficile momento economico, contrassegnato dall’aumento dei prezzi. Chi sono i lavoratori e i pensionati che lo riceveranno? Spetta anche ai disoccupati e ai percettori di reddito di cittadinanza? 

Analizziamo nel dettaglio il funzionamento di questa misura, anche grazie ai chiarimenti e le specificazioni che sono stati dati dall’INPS con la circolare n. 73 del 24 giugno 2022, e il relativo Comunicato stampa, oltre che il massaggio n. 2559 del 24 giugno 2022. 


Bonus 200 euro: a chi spetta


Il bonus 200 euro potrà essere ricevuto da:


Bonus 200 euro: requisiti da possedere e condizioni


Tipologia di beneficiarioRequisiti previsti
Lavoratori dipendenti
  • aver beneficiato dell’esonero contributivo IVS dello 0,8% “sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore” per almeno una mensilità entro il 23 giugno  la retribuzione su 13 mensilità non dovrà essere superiore a 34.996 euro (ovvero 4 centesimi in meno del tetto dei 35.000 euro)
Bonus 200 euro INPS Pensionati 2022
  • hanno la residenza in Italia ricevono un trattamento pensionistico o un assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, oppure i trattamenti di accompagnamento alla pensione, da prima del 1° luglio 2022hanno un reddito personale 2021 non superiore a 35.000 euro
Colf e badanti 
  • non è previsto alcun limite di reddito
  • avere uno o più rapporti di lavoro attivi alla data del 18 maggio 2022
Bonus 200 euro disoccupati
  • avere ricevuto, a giugno 2022, la NASpI, la DIS-COLL o la disoccupazione agricola
Bonus 200 euro autonomi, senza partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie
  • avere uno o più contratti autonomi occasionaliaver ricevuto l’accredito di almeno un contributo mensile nel 2021essere iscritti alla Gestione separata in data 18 maggio 2022 
Lavoratori autonomi e professionisti con partita iva
  • si è ancora in attesa di un apposito decreto
Lavoratori co.co.co.
  • iscrizione alla Gestione separatareddito 2021 non superiore a 35.000 euro 
Per lavoratori intermittenti
  • almeno 50 giornate di lavororeddito 2021 non superiore a 35.000 euro
Lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo
  • iscrizione al Fondo pensione lavoratori dello spettacoloversamento di almeno 50 contributi giornalierireddito 2021 non superiore a 35.000 euro
Bonus 200 euro stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport
  • essere stati beneficiari dell’indennità per l’emergenza Covid 
Incaricati alle vendite a domicilio
  • reddito 2021 non superiore a 5.000 eurotitolari di partita IVA attivaiscrizione alla Gestione separata INPS alla data del 18 maggio

Bonus 200 euro: come ottenerlo


Il bonus 200 euro viene ricevuto direttamente in busta paga dai lavoratori dipendenti, mentre si dovrebbe inviare un’apposita domanda qualora si fosse lavoratori autonomi, colf e badanti, lavoratori dello spettacolo, lavoratori stagionali e incaricati di vendite a domicilio. 

I disoccupati riceveranno il contributo con un ricarico sull’indennità di disoccupazione percepita, mentre:


bonus 200 euro

Bonus 200 euro lavoratori dipendenti


Il bonus 200 euro previsto per i lavoratori dipendenti in possesso dei requisiti sopra indicati si riceverà direttamente in busta paga, una sola volta, nel mese di luglio 2022. Il contributo non sarà erogato in automatico, fatta eccezione per i dipendenti pubblici.

Chi lavora per un’azienda privata, invece, dovrà presentare al proprio datore di lavoro un’autodichiarazione, con la quale si specifica che:


Sarà compito del datore di lavoro quello di verificare che, nella busta paga di gennaio-aprile, non sia stato applicato lo sconto IVS e, in sua assenza, di erogare il contributo da 200 euro in busta paga

Bonus 200 euro: quando arriva


Quando viene dato il bonus di 200 euro? Sono previste date differenti:


bonus 200 euro

Bonus 200 euro: come richiederlo


Tranne che per i casi in cui il bonus 200 euro sia ricevuto in busta paga o in aggiunta all’indennità percepita, per riceverlo sarà necessario presentare un’apposita domanda all’INPS

La procedura è la seguente:

  1. si dovrà seguire il seguente percorso sul sito dell’INPS Prestazioni e servizi Servizi>Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche;
  2. dopo essersi autenticati, basterà scegliere la categoria di appartenenza per la quale si vorrebbe presentare la domanda;
  3. dopo averla inoltrata, sarà possibile accedere al sistema, per monitorare lo stato di lavorazione della propria richiesta. 

In alternativa al sito web, si potrà inviare la richiesta tramite il numero verde INPS, 803.164, gratuito da rete fissa, oppure il numero 06.164164, a pagamento in base alle condizioni del proprio operatore di telefonia mobile, o in alternativa tramite un patronato abilitato. 

La scadenza per la presentazione delle domande, che si possono inoltrare dal 20 giugno 2022, è la seguente:


Bonus 200 euro – Domande frequenti


Chi ha diritto al bonus da 200 euro?

Il bonus 200 euro è un contributo una tantum che spetta a diverse categorie di soggetti: lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, disoccupati, percettori del reddito di cittadinanza. 

Come si ottiene il bonus di 200 euro?

In alcuni casi, il bonus 200 euro si riceve in automatico, mentre in altri è necessario presentare una domanda: scopri di più leggendo il nostro articolo sul contributo

Bonus 200 euro: a chi non spetta? 

Il bonus 200 euro non spetta ai lavoratori e ai pensionati che superano una determinata soglia di reddito: clicca per conoscere quali sono tutti i requisiti di accesso.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!