04 mar 2022
Decreti Legge e DPCM

Decreto bollette 2022: le nuove misure antirincari luce e gas

Oltre alle misure introdotte per contrastare i prossimi rincari sulle bollette di luce e gas, il decreto bollette 2022 ha previsto anche altre importanti novità: vediamo insieme di cosa si tratta.

Il decreto bollette 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 1° marzo 2022 ed è entrato in vigore il 2 marzo 2022: al fine di calmierare gli aumenti previsti su luce e gas sono stati stanziati ben 6 miliardi di euro, per un totale di 8 miliardi. 

Il testo del nuovo decreto bollette prevede diversi interventi e misure, quali quelli a sostegno delle famiglie dei sanitari che sono scomparsi a causa del coronavirus, e diversi fondi, come quello per il settore automotive. Sono comprese importanti novità anche per le rinnovabili, quali il fotovoltaico e i pannelli solari. 

Vediamo allora punto per punto quali sono stati gli interventi approvati dal “Decreto Legge recante misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili, per il rilancio delle politiche industriali”. 


Interventi per contrastare gli aumenti di luce e gas


Per il secondo trimestre 2022, ovvero fino al 30 giugno 2022, è stato previsto l’annullamento degli oneri generali di sistema. In particolare, saranno sospese “le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kw”. 

In aggiunta, saranno momentaneamente abolite le aliquote previste sulle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kw, anche connesse “in media e alta o altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico”. 

L’IVA sulle bollette del gas sarà ridotta al 5% per tutto il secondo trimestre 2022, quindi fino al 30 giugno 2022, grazie allo stanziamento di 592 milioni di euro. Si cercherà, inoltre, di aumentare la produzione di gas a livello nazionale

È stato infatti stabilito che, entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Legge, il Gestore dei servizi energetici dovrà avviare, su direttiva del Ministro della Transizione ecologica, “procedure per l’approvvigionamento di lungo termine di gas naturale di produzione nazionale dai titolari di concessioni di coltivazione di gas”.

Lato sostegni luce e gas, è stato anche previsto il potenziamento dei bonus sociali luce e gas per il secondo trimestre 2022: ricordiamo che questi incentivi sono previsti per i clienti domestici che si trovano nelle condizioni di maggiore disagio economico e per quelli che presentano gravi condizioni di salute, che rendono necessario l’utilizzo di un apparecchio elettromedicale. 

decreto bollette

Decreto bollette 2022: i nuovi fondi


Il decreto ha previsto l’introduzione di un fondo per favorire la transizione verde, la ricerca, la riconversione e riqualificazione dell’industria del settore automotive, oltre che per il riconoscimento di incentivi all’acquisto di veicoli non inquinanti. 

Sono stati previsti:


Ci saranno anche nuovi incentivi per:


Sono stati inoltre previsti dai 10 ai 15 milioni per la creazione di un fondo a favore dei familiari di medici, personale infermieristico e operatori socio-sanitari che, a causa dell’emergenza coronavirus, abbiano contratto una patologia dalla quale sia conseguita la morte. 

Ci sarà anche un Fondo nuove competenze per i datori che abbiano sottoscritto accordi di sviluppo per progetti di investimento strategico: si tratta di un fondo pubblico cofinanziato dal Fondo sociale europeo, nato per permettere alle imprese di adeguare le competenze dei lavoratori (le ore di stipendio del personale in formazione sono, infatti, a carico del Fondo).

Fondo energie rinnovabili


È stata prevista un’estensione del modello unico semplificato per le energie rinnovabili, che sarà applicata agli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 50 kiloWatt e fino a 200 kW, fatta eccezione per quelli sottoposti a tutela artistica, culturale o paesaggistica. 

Nel testo del decreto si parla di:


È stato inoltre istituito il Fondo rinnovabili PMI, con una dotazione di 267 milioni di euro, che si prefigge l’obiettivo di “promuovere la produzione di energia elettrica rinnovabile e l’autoconsumo per le piccole medie imprese”.

Fondi per le energie rinnovabili al sud


Arriverà anche un credito d’imposta per le imprese che effettuano investimenti per ottenere una migliore efficienza energetica e per promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili nelle Regioni del sud, ovvero in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. 

Tale misura:


Sono stati previsti anche dei fondi per le rinnovabili:

  1. nelle caserme;
  2. nei siti e negli impianti delle società del gruppo Ferrovie dello Stato italiane.

Altre misure nel settore energia


È stato confermato il credito d’imposta già previsto per le imprese energivore, ovvero alle aziende a forte consumo di energia i cui costi per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media del primo trimestre 2022 e al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, abbiano subìto un incremento del costo per KWh superiore al 30% relativo allo stesso periodo nel 2019. 

Tale credito d’imposta:


Viene introdotto anche un contributo per le imprese gasivore, che corrisponde a un credito di imposta del 15% per le spese relative al gas consumato nel primo trimestre del 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici, qualora il prezzo di riferimento del gas naturale abbia subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al primo trimestre 2019.

Al fine di aumentare la sicurezza delle forniture di gas naturale, entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto bollette 2022, il Mite dovrà adottare misure per ottimizzare il ciclo di iniezione di gas e per migliorare gli stoccaggi nazionali.

decreto bollette

Ulteriori novità del decreto bollette 2022


Oltre all’impegno nel settore dell’energia, atto a rendere l’Italia più autonoma nella produzione e con un occhio di riguardo nei confronti delle energia rinnovabili, il decreto bollette 2022 ha toccato anche altri punti. 

Si segnalano, in particolare:


Leggi anche: “Bonus casa 2022: quali si possono richiedere“.

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!