12 ago 2020
Diritto di Famiglia

Incentivi nascite 2020: i bonus INPS per le famiglie

Tra le agevolazioni per le nuove gravidanze, è previsto il bonus bebè: ecco di cosa si tratta e a chi spetta.

Cos’è il bonus bebè





Il bonus bebè consiste in un assegno mensile che viene erogato alle famiglie per i figli nati, adottati o presi in affido preadottivo tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2020. 





Si tratta di un incentivo alle nascite su base annuale, corrisposto con cadenza mensile fino al 1° anno di età o al 1° anno di arrivo in famiglia nel caso di adozione o di affido. 





L’agevolazione è stata introdotta con la legge 190 del 23 dicembre 2014 e prevede un aumento del 20% per ogni figlio successivo al primo. A chi spetta? Qual è l’importo che si può ricevere?





Ecco quali sono le caratteristiche del bonus bebé 2020, le soglie ISEE dalle quali derivano le cifre mensili, come si presenta la domanda e quando si verifica la decadenza del beneficio. 







A chi si rivolge





L’assegno può essere richiesto da tutti i cittadini, sia comunitari sia extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno valido, che siano residenti in Italia e convivano con il figlio. L’importo dell’assegno dipende dall’ISEE minorenni del minore per il quale si richiede il bonus natalità. 





In particolare:









incentivi nascite




Quando viene erogato l’assegno





Il pagamento del bonus viene effettuato dall’INPS al richiedente tramite la modalità di pagamento scelta, che può essere:









Il contributo economico viene erogato a partire dal mese successivo a quello in cui viene presentata la domanda, alla quale dovrà essere allegato anche il modello SR/163 “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”, pena la sospensione della domanda stessa.





Quando viene concessa la maggiorazione al 20%





La maggiorazione dell’assegno al 20% viene riconosciuta:









incentivi nascite
Scopri quali sono le novità previste dal Family Act e come funzionano gli assegni familiari.




Decorrenza e durata





L’assegno di natalità spetta a partire dal mese di nascita o di ingresso del figlio adottato o in affido. La domanda dovrà essere presentata entro 90 giorni di tempo dalla nascita o dal giorno di ingresso





Nel caso di decadenza della potestà genitoriale da parte del genitore richiedente, quest’ultimo potrà essere sostituito dall’altro genitore tramite l’invio di una nuova domanda entro 90 giorni dall’avvio del provvedimento dell giudice. 





La stessa tempistica di 90 giorni deve essere rispettata con la presentazione di una nuova domanda nel caso di decesso del genitore richiedente, i quali decorrono a partire dalla data del decesso. 





L’assegno ha una durata di 12 mensilità: nel caso in cui la domanda venisse presentata oltre i 90 giorni previsti, l’erogazione decorrerebbe dal mese di presentazione della domanda stessa. 





Decadenza





Ci sono alcune circostanze nelle quali si verifica la decadenza dell’incentivo nascite, ovvero:









L’assegno non viene più erogato quando:





  1. il figlio compie un anno o si raggiunge un anno dall’ingresso in famiglia;
  2. si verifica la conclusione dell’affidamento temporaneo;
  3. il figlio raggiunge i 18 anni di età.




Il genitore richiedente ha 30 giorni di tempo per comunicare all’INPS il verificarsi di una delle variazioni in elenco e nell’ipotesi in cui tornasse in possesso dei requisiti sarà tenuto a presentare una nuova domanda entro 90 giorni dall’evento: in questo caso, il bonus sarà riconosciuto a partire dal momento in cui il richiedente è tornato a possedere i requisiti richiesti.





Come fare domanda





La domanda per ottenere il bonus bebè 2020 dovrà essere inviata telematicamente all’INPS, accedendo alla sezione dedicata tramite l’area “Tutti i servizi” e cliccando sulla voce “Assegno di natalità – Bonus Bebè (Cittadino)”.





In alternativa, è possibile rivolgersi:









Il richiedente riceverà un SMS al termine dell’istruttoria: potrà visualizzare se la sua domanda è stata accolta o respinta accendendo nuovamente al sito dell’INPS, alla sezione “Consultazione domande”.





Se in fase di compilazione della domanda, l’utente ha inserito anche la sua PEC, potrà ricevere direttamente al suo indirizzo di Posta Elettronica certificata qual è stato stato l’esito della sua domanda. 





Nel 2020, se nel momento di presentazione della domanda non si ha un ISEE in corso di validità, il bonus bebè viene comunque corrisposto:









In caso di nascite o di adozioni di due o più minori nello stesso momento, dovranno essere presentate più domande, in quanto ognuna si riferisce al singolo figlio. 





Incentivi nascite 2020 – Domande frequenti





Cosa spetta quando nasce un figlio 2020?

Tra gli incentivi alle nascite, è previsto il bonus bebè che può essere richiesto da tutti i nuclei familiari: ecco come presentare la domanda

Come richiedere premio nascita 2020?

L’incentivo nascite 2020 si richiede presentando apposita domanda all’INPS: ecco quali sono le procedure da seguire

Quando richiedere bonus nascita?

Il contributo economico per la nascita di un figlio deve essere richiesto entro 90 giorni di tempo dalla nascita o dall’ingresso in famiglia nei casi di adozione o affido.