25 ott 2020
Consulenza

Nuova ordinanza Sicilia: cosa cambia dal 25 ottobre

Le misure anti-covid introdotte in Regione Sicilia: dal coprifuoco alla didattica a distanza per le superiori.

Le ordinanze anti-covid





Sono diverse le Regioni italiane che, in assenza di decisioni rigorose a livello nazionale, hanno scelto di imporre alcune restrizioni in modo tale da cercare di contrastare l’avanzata dei contagi da coronavirus. 





Dopo le ordinanze entrate in vigore in Lombardia e in Campania, ecco che anche il governatore della Regione Sicilia Nello Musumeci ha firmato un’ordinanza che sarà in vigore sull’isola dal 25 ottobre fino al 13 novembre 2020





Di seguito saranno presentati i dettagli delle nuove misure previste per la Sicilia. Per approfondire e conoscere come stanno attualmente le cose nel resto d’Italia, leggi anche: “Le ordinanze anti-covid in vigore in tutte le Regioni italiane”. 







Coprifuoco in Sicilia





Alla stregua di quanto già accaduto in Lombardia, Campania e Lazio, la nuova ordinanza in vigore in Sicilia dal 25 ottobre fino al 13 novembre compreso ha introdotto un coprifuoco previsto dalle ore 23:00 alle ore 5:00 del mattino successivo





La norma prevede il divieto di spostarsi con ogni mezzo nella fascia oraria indicata, tranne nei casi rappresentati da:









Nel caso in cui ci si dovesse muovere nell’orario in cui è in vigore il coprifuoco, si dovrà portare con sé il modulo di autocertificazione ufficiale, da compilare con i propri dati anagrafici, che è possibile scaricare a questo link. 









nuova ordinanza sicilia




Scuole e mezzi di trasporto





Le nuove regole introdotte in Sicilia derivano dal confronto con il Comitato tecnico scientifico siciliano, che si occupa di monitorare l’andamento della diffusione dei contagi sull’isola. 





Nonostante in questo momento la Regione sia caratterizzata da una situazione di criticità sicuramente più ridotta rispetto ad altre aree del territorio nazionale, le misure di contenimento entrate in vigore appaiono necessarie per anticipare ed evitare che la situazione precipiti. 





Per quanto riguarda la didattica, mentre gli alunni che frequentano asili, scuole elementari e scuole medie continueranno a sostenere le lezioni in presenza, da lunedì 26 ottobre sarà introdotta la didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori





Sui mezzi di trasporto pubblico, invece, sarà ridotta la capacità dei posti al 50%: questa regola sarà applicata non solo ai trasporti su gomma, ma anche a quelli su rotaia e marittimi. 





Esercizi commerciali,  ristoranti e altre attività





Gli esercizi commerciali saranno aperti anche la domenica, ma solo fine alle ore 14:00. Non ci saranno invece limitazioni di orario per:









I ristoranti dovranno chiudere alle ore 23:00 e potranno garantire il servizio al tavolo con 6 persone fino all’orario di chiusura. La consumazione al banco, invece, sarà possibile nella fascia oraria compresa tra le 5:00 e le 18:00. 





nuova ordinanza sicilia




La consegne a domicilio potrà avvenire regolarmente, ma solo fino alle ore 24:00, e non subiscono modificazioni neanche le attività di mense e dei servizi di catering. 





Resteranno aperti, dalle 8:00 alle 20:00, anche:









Nella stessa fascia oraria si potranno svolgere le attività di sale bingo e sale gioco, ma l’accesso dovrà essere limitato al 50% della capienza totale. 





Il monitoraggio costante





Il coronavirus ha dimostrato che la distrazione costa caro e che perdere i tracciamenti dei contagi ha grosse ripercussioni che diventare poi difficili da controllare e stabilizzare. 





Per questo motivo le Asp, coadiuvate dal monitoraggio dell’assessorato della Salute, si occuperanno di avviare campagne regionali sulla diffusione dei casi di covid-19, attraverso progetto di tracciamento che partiranno dai soggetti in età scolastica e si concentreranno sulle aree maggiormente colpite dal virus.