30 nov 2022
Pensioni

Pensione anticipata: come funziona e quando richiederla

Cos'è la pensione anticipata, quali sono i requisiti per farne richiesta e quali le differenze esistenti tra il sistema retributivo, il sistema contributivo e quello misto.






Chi può richiedere la pensione anticipata


La pensione anticipata può essere conseguita da tutti gli iscritti a:

  1. l’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO), che include anche il Fondo pensioni lavoratori dipendenti e le Gestioni speciali per i lavoratori autonomi;
  2. la Gestione separata INPS;
  3. le forme sostitutive dell’AGO, come per esempio il Fondo Volo e la Gestione sport e spettacolo;
  4. le forme esclusive dell’AGO, come per esempio le Gestioni dei dipendenti pubblici.

LEGGI ANCHE Quanti anni di contributi ci vogliono per andare in pensione nel 2023?

pensione anticipata ordinaria

Pensione anticipata ordinaria 2023


I requisiti contributivi per richiedere la pensione anticipata sono pari a:


Per i lavoratori che appartengono al cosiddetto “sistema misto”, ovvero coloro i quali hanno iniziato a versare i contributi prima del 31 dicembre 1995, la pensione di vecchiaia può essere percepita a patto che almeno 35 anni di contribuzione siano al netto dei periodi di malattia, disoccupazione e prestazioni equivalenti. 

Dal 1° maggio 2017, per tutti i lavoratori abbiano svolto almeno 12 mesi di lavoro effettivo prima del 19° anno di età – i cosiddetti lavoratori precoci – il requisito contributivo per la pensione anticipata è stato abbassato a 41 anni

Per i lavoratori che rientrano, invece, nel solo sistema contributivo, quindi che hanno iniziato a versare i contributi dal 1° gennaio 1996, la pensione anticipata può essere conseguita alle stesse condizioni previste per il sistema solo retributivo o per il sistema misto. 

In questo caso non è però in vigore nessuna agevolazione per i lavoratori precoci. La contribuzione relativa a periodi di lavoro prima dei 18 anni viene invece moltiplicata per 1,5. 

LEGGI ANCHE Come funzionerà Opzione donna nel 2023

Pensione anticipata a 64 anni


Chi ha iniziato a versare i contributi dal 1° gennaio 1996, ha la possibilità di andare in pensione anticipata al raggiungimento dei 64 anni di età, a condizione che:


In questa ipotesi, per il calcolo degli anni di contributi si considerano soltanto quelli versati in modo effettivo e vengono esclusivi quelli accreditati a qualsiasi titolo in modo figurativo. 

LEGGI ANCHE Cos’è Quota 103

pensione anticipata

Pensione anticipata: decorrenza


La pensione anticipata prevede la cessazione del rapporto di lavoro dipendente, mentre questa condizione non è richiesta nel caso di lavoro autonomo

I lavoratori dipendenti privati o autonomi riceveranno l’assegno pensionistico dal primo giorno al mese successivo a quello di presentazione della domanda, mentre i dipendenti pubblici iscritti alle Gestioni esclusive dell’AGO dal giorno successivo a quello di cessazione del servizio.

La decorrenza è invece prevista dal 1° settembre e dal 1° novembre per il personale del comparto scuola e dell’Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica (AFAM).

LEGGI ANCHE Si può andare in pensione prima pagando i contributi volontari?

Pensione anticipata 2023 – Domande frequenti


Quanti anni ci vogliono per andare in pensione anticipata?

La pensione anticipata ordinaria prevede che uomini e donne debbano raggiungere due requisiti contributivi differenti: scopri come funziona la pensione anticipata ordinaria 2023 per conoscerli.

La pensione Quota 41 sarà già arriva nel 2023?

No, il trattamento pensionistico che permette di andare in pensione con 41 anni di contributi a prescindere dall’età non è ancora entrato in vigore.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!