02 nov 2021
Bonus e Agevolazioni statali

Come cambia il Superbonus 110: la proroga

Ecco le ultime notizie che riguardano la proroga sul superbonus 110%, esteso fino al 2025, ma con detrazioni fiscali differenti a seconda dell'anno di riferimento e dalla tipologia di richiedente.

La proroga del superbonus 110% al 2022 è una delle novità che sono state confermate dalla nuova legge di Bilancio, ma non è la sola. 

Dalle ultime notizie emerge infatti che resteranno in vigore anche:


Vediamo, dunque, quali saranno i principali cambiamenti che riguarderanno i bonus edilizi sulla base di quanto approvato dal Consiglio dei Ministri il 18 ottobre 2021


La proroga del superbonus 110%


Il superbonus 110% è stato rinnovato anche per il 2022, ma la proroga prevista dalla legge avrà delle scadenze differenti a seconda della tipologia di beneficiario

Nel caso degli interventi effettuati su edifici unifamiliari da persone fisiche, la detrazione potrà essere ricevuta per gli interventi effettuati fino al 31 dicembre 2022, in presenza di una delle seguenti ipotesi:

  1. alla data del 30 settembre 2021 sia stata effettuata la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), oppure risultino avviate le relative formalità amministrative per l’acquisizione del titolo abilitativo, per gli interventi comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici;
  2. per gli interventi che siano stati eseguiti da persone fisiche con ISEE non superiore a 25.000 euro annui su unità immobiliari adibite ad abitazione principale.

La scadenza prevista negli altri casi resta confermata al 30 giugno 2022. L’opzione sconto in fattura o cessione del credito resterà in vigore fino al 2025 esclusivamente per il superbonus 110%. Per gli altri bonus citati in precedenza, invece, tale disciplina sarà applicata unicamente alle spese sostenute nel 2020 e nel 2021

superbonus 110 proroga

Scadenze diversificate per IACP e condomini


La scadenza per accedere all’agevolazione fiscale prevista per gli interventi effettuati dagli istituti autonomi case popolari (IACP) è stata fissata al 31 dicembre 2023; la stessa data è valida anche per gli enti aventi le stesse finalità sociali che, alla data del 30 giugno 2023, abbiano effettuato lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.

In merito ai condomini, invece, la detrazione spetterà per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2022, a prescindere dallo stato di avanzamento dei lavori.

Importo detrazione fiscale Superbonus 110%


Il Superbonus 110% è stato esteso fino al 31 dicembre 2025. Tuttavia, ci saranno dei cambiamenti in relazione alla percentuale di detrazione fiscale applicata. Nello specifico:

  1. la maxi-detrazione al 110% è stata estesa fino al 31 dicembre 2023;
  2. sarà invece pari al 70% per le spese che saranno sostenute nel corso del 2024;
  3. per le spese relative al 2025, sarà infine ridotta al 65%

Quali spese rientrano nel superbonus 110%


Per quanto riguarda gli interventi, il superbonus 110% potrà essere applicato ai lavori di riqualificazione energetica che saranno effettuati:


La detrazione non potrà essere applicata agli interventi previsti sulle unità residenziali che appartengono alle categorie catastali A1, A8 e A9. Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, invece, potranno godere dell’agevolazione fiscale per gli interventi realizzati su immobili che rientrano nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4, a condizione che:


superbonus 110 proroga

Ultime notizie sui bonus edilizi: come cambiano le detrazioni fiscali


Il Ddl di Bilancio 2022 ha introdotto alcune modifiche alle detrazioni fiscali riguardanti i più importanti bonus edilizi attualmente in vigore e che sono stati riconfermati anche per il prossimo anno. Le abbiamo raccolte nella tabella che segue. 

Bonus edilizioNuova detrazione fiscale
Bonus facciateFino al 31 dicembre 2021, la detrazione è pari al 90%, ma per le spese sostenute nel 2022 ammonterà al 60%
Interventi di recupero del patrimonio edilizio, con limite di spesa a 96.000 euro di cui all’art. 16-bis del TUIRdetrazione IRPEF al 50%
Ecobonus 50-65-70-75%
Bonus unico per gli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica80-85%
Sismabonus “ordinario”50-70-75-80-85%
bonus verdedetrazione IRPEF del 36%
bonus mobili 50%, con spesa massima ammissibile che dall’attuale 16.000 euro si ridurrà a 5.000 euro, a partire dal 1° gennaio 2022

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!