Utente 1651

13 mag 2020
altro

Auto clonata e rivenduta (ritargata): come mettermi in regola?

Vi scrivo per avere un parere su come affrontare un problema sorto con la mia auto.
L'auto, pochi mesi dopo il mio acquisto a dicembre 2017, è stata clonata e la documentazione ad essa relativa è stata assegnata ad un'altra auto rubata, rivenduta poi falsificando la mia firma sull'atto di vendita.
Ovviamente, dopo essermi accorto dell'accaduto, ho sporto denuncia nell'aprile del 2018 alla Polizia che ha provveduto ad accertare la regolarità della documentazione e del veicolo in mio possesso, consentendomi di circolare comunque.
L'auto rubata, e successivamente anche ritargata, risulta tuttora intestata ad altra persona, probabilmente vittima ignara del tutto, ma è stata finalmente sequestrata nel corso dello scorso anno.
Nonostante siano passati ormai più di due anni dalla denuncia, non saprei come mettermi in regola.
La polizia ha sempre rifiutato di rilasciarmi qualsiasi attestazione e, da quel che mi è stato riferito, servirebbe una ordinanza di un magistrato per annullare il falso atto di vendita e permettermi di intestarmi nuovamente il veicolo, probabilmente targandolo o immatricolandolo nuovamente.
Stando a quel che mi è dato sapere, la polizia ha concluso le indagini ed inviato documentazione per l'apertura di un procedimento.
Volevo sapere se è mia facoltà richiedere informazioni circa l'andamento di tale procedimento e se il magistrato provvederà automaticamente ad emettere l'ordinanza di annullamento degli atti di vendita illeciti (successivi al mio) oppure se io debba sollecitare in qualche modo la cosa o, addirittura, intentare una ulteriore causa per garantirmi la riappropriazione del veicolo.
Certo di un vostro riscontro, porgo cordiali saluti,
Francesco

Risposte degli avvocati

marco sansone
Avvocato civilista
13 mag 2020

Gentile Francesco, non è solo sua "facoltà" richiedere informazioni circa l'andamento di tale procedimento. In realtà Lei è "persona offesa" dal reato. Avrebbero già dovuto notificarLe l'avviso di conclusioni delle indagini.
Lei può costituirsi parte civile nel processo penale, al fine di richiedere il risarcimento di tutti i danni che ha patito e che patisce.
Differentemente può immaginare un contenzioso di natura civile, ma solo nel caso in cui il PRA dovesse rifiutare la re-immatricolazione del veicolo.
Se vuole L'aiuto a fare quel che Le ho scritto.
Può - eventualmente - scrivermi su marco()avvsansone.it