utente 1732
17 mag 2020
altro

Diversi conti correnti condominiali: è permesso dalla legge?

Nel mio condominio il ns Amministratore tiene n. 3 conti correnti bancari: uno per gli oneri, uno per il riscaldamento e uno per entrate e uscite di un canone di locazione per antenna telefonia mobile su terrazzo stabile. Volevo sapere se ciò è permesso dalla legge, oppure il conto corrente condominiale deve essere uno solo ed eventuali dati su leggi e norme. Grazie e saluti.
Risposte degli avvocati
marco sansone
Avvocato civilista
Vallo della Lucania
17 mag 2020

Gentile signore, poiché all'interno di un condominio (specie se composto da diverse unità immobiliari e dunque tra tanti condomini) è necessario essere molto precisi sulla tenuta della contabilità, soggetta - come sa - al controllo continuo di qualsivoglia avente diritto, è prassi tenere separati - almeno documentalmente - alcune partite contabili. La questione riscaldamento, per esempio, poiché di certo avrà una voce di entrata propria, sarà gestita come centro di costo, per cui verosimilmente l'amministratore monitorerà costi e pagamenti differentemente da come fa per le quote ordinarie condominiali e per tutto il resto. Idem potrebbe accadere con riferimento ai canoni di locazione cui ha fatto cenno. Per fare le cose in un modo corretto ci sono due possibilità: una puntigliosa tenuta delle scritture pur in presenza di un unico conto corrente o distinti conti correnti in modo da far confluire le diverse contabilità su conti diversi, sì da poter ricostruire ancor meglio i flussi di cassa. E' chiaro che più conti correnti significano, di base, maggiori costi di tenuta degli stessi, a meno che il rapporto con l'Istituto di Credito non sia tale da renderli di importo trascurabile o risibile. Poiché nei rendiconti, in ogni caso, confluiscono tutti i dati, in generale tenere n. 3 conti correnti bancari funzionali a specifiche esigenze non è prassi vietata.


giuseppe anfuso
Avvocato civilista
17 mag 2020

Buongiorno, a parere dello scrivente, l'apertura di più conti correnti per la gestione delle attività condominiali, deve essere autorizzata con apposita delibera condominiale. Cordiali saluti.