Utente 4051

18 ott 2020
altro

Dubbio sulla parcella dell' avvocato

Due anni fa sono stata investita da una macchina, sono in attesa del risarcimento.
Scrivo qui sul forum, perché ho qualche sospetto sulle azioni del mio avvocato e non conoscendo bene la prassi vorrei evitare ogni qualsiasi "fregatura". Inizialmente il mio avvocato mi ha detto che l'assicurazione pagherà oltre a me, anche l'avvocato stesso. Adesso, invece, mi ha detto che l'assicurazione non copre le sue spese, ma le dovrò completamente darle io, togliendo il 20% dalla somma che mi spetterebbe. Vorrei precisare, che io non ho nessun contratto firmato con lui nel quale è specificato il costo di lavoro. Anzi, secondo lui, non deve essere registrato niente di scritto. Io, come ho anticipato vorrei evitare "fregature", perciò vi chiedo:
1) come posso fare ad avere un contratto firmato e presumo autentificato?
2)è veramente così che l'assicurazione non è obbligata a pagare il mio legale?
3) esiste un qualche limite di percentuale o soldi sulla parcella del legale, e può semmai superarla? Oppure può pretendere qualsiasi cifra, non avendo niente di scritto, ma solo a voce?
Ho questi dubbi perché inizialmente avrebbe pagato tutto l'assicurazione, poi il 10/12% io, e adesso siamo arrivati al 20% tutto sottratto dalla somma che mi spetterebbe. Parlo di un danno molto grande con un valore, con circa 30 punti di invalidità della macro scala di Milano.

Risposte degli avvocati

E' importante sottoscrivere un conferimento incarico professionale, per evitare spiacevoli inconvenienti come questi. Rimango a disposizione per eventuali approfondimenti.


vanessa valeria vianello
Avvocato civilista
Milano
19 ott 2020

Buongiorno,
quanto richiesto dal suo avvocato è il c.d. "patto di quota lite" VIETATO dalla legge nazionale forense. Il suo legale, in mancanza di un preventivo scritto, può chiederle se debitamente provato, un compenso in linea con quanto stabilito dal D.M. 44/2015.
Se Le serve assistenza o un parere più dettagliato mi contatti via email a vianellolex()gmail.com o con consulenza diretta indicandomi quanto Le verrebbe risarcito. A disposizione, saluto cordialmente.


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
19 ott 2020

Buongiorno Signora,
nella prassi è l'assicurazione stessa a pagare l'avvocato.
Può provvedere a contattare direttamente l'assicurazione per aver maggiori informazioni in merito.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare senza impegno.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo
(Cell. 3280999150)