Utente 4385

18 nov 2020
altro

Oggetti da smaltire su terreno comprato all'asta

Buongiorno,
Mi sono aggiudicato all' asta un terreno con un fienile in data 20 ottobre 2020. Il giorno 3 dicembre dovrei firmare le prime carte con notaio e poi attendere il decreto di trasferimento.
Sul terreno erano presenti diverse cose. Container di vario tipo, delle grosse ruote da ruspa di cava, barili di olio e un furgone.
Oggi sono venuti a ritirare tutte le cose 'vendibili' e il furgone ma hanno esplicitamente detto che avrebbero abbandonato l'olio e le gomme da cantiere sul posto cosi che io debba smaltirmele ad un prezzo elevato.
Il curatore è sempre stato molto gentile ma non siamo riusciti a venirne a capo. Lui dice che sulla' inventario non risultano le ruote e l'olio quindi non può farle portare via perché secondo lui non appartenenti alla ditta fallita che aveva un deposito di camion su questo piazzale.
Ovviamente non è vero, io abito qua davanti e nessuno ha mai portato olio o le gomme successivamente al fallimento, anzi, le gomme sono visibili sia nella perizia, sia in una foto satellitare di quando la ditta lavorava ancora prima del fallimento. Nonostante ciò il curatore dice che dalla foto della perizia non è chiaro (opinabile) e che quindi fa riferimento a inventario, dove ovviamente nessuno si è segnato i barili di olio.
Possibile che possano ignorare quel materiale e lasciare a me l'onere dello smaltimento ad un costo elevato? Cosa dice la legge? Ha una soluzione certa al problema in mio favore o meno?
Grazie per la gentile risposta.
Cordiali saluti

Risposte degli avvocati

rodolfo tullio parrella
Avvocato civilista
Battipaglia
19 nov 2020

Faccia notificare una diffida al curatore ad immetterla nel possesso del terreno libero di persone e vuoto di cose.
avvocatoparrella.it 335/8248795


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
18 nov 2020

Buongiorno Sig. Terzolo,
per poterLe rispondere adeguatamente bisognerebbe visionare la documentazione in Suo possesso (es. avvisi di vendita).
Potrebbe anche configurarsi una responsabilità del curatore in quanto, per legge, custode dell'immobile.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare senza impegno ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo


18 nov 2020

Buongiorno,
è necessario vedere tutte le carte - compresi gli avvisi di vendita ecc. - per capire meglio i margini di azione. In astratto, il curatore di un fallimento è custode per legge dei beni del fallimento. Se anche questi beni fossero stati in un secondo momento relitti da terzi sul bene immobile di proprietà del fallimento, potrebbe significare che la custodia non è stata esercitata correttamente. Si tratta di mere ipotesi, i miei contatti sono sul mio profilo.
Cordiali saluti
Avv. Giorgio Rocca