Utente 2631

09 lug 2020
altro

Posso lasciare un'anziana da sola?

Sono Sara, ho appena compiuto 29 anni, italiana e ho intenzione di trasferirmi in un'altra città da quella che mi trovo per continuare i miei studi e avere una nuova opportunità lavorativa. Sono però incastrata in una situazione che mi impedisce di affrontare questo importante cambiamento: da ormai 3 anni mi prendo - diciamo che mi è stato dato l'incarico - cura di una anziana e della casa dove abita lei, suo figlio e suo marito. Faccio tutto: pulizie, cucinare e persino mi prendo responsabilità di alcune spese (bollette, cibo ecc...).
Questi compiti non li ho mai veramente voluti, ma siccome né il figlio della anziana (mia nonna) né altri vogliono prendersi questo peso, allora li devo fare io, anche per amore della anziana che soffre persino di demenza senile. Insomma, sono diventata una caregiver. La anziana comunque va al centro diurno e c'è quindi qualcun altro che di prende cura di lei per tutta la giornata.
Comunque ha dei figli che si possono occupare di lei, ma che lo fanno fare a me.
Non c'è nessun contratto che mi obbliga a restare e andare in un'altra città, né vengo pagata.
Ho intenzione di comunque andarmene dopo aver assunto qualcuno che prenda il mio posto.
I figli della anziana possono prendere azioni legali se io me ne vado? Anche se tornerei ogni weekend per assicurarmi che tutto vada bene?
Ricordo che la signora ha 3 figli che si possono prendere cura di lei e hanno i soldi per farlo senza per forza lasciare tutto a me, la nipote, come stanno facendo.
Ho il terrore che la mia mancanza possa farlo adorare a tar punto dal volermi punire in qualche modo.
Disponibile a chiarimenti e approfondimenti.
Grazie per l'attenzione!

Risposte degli avvocati

10 lug 2020

Buongiorno, da quanto riferisce, la signora vive in casa con figlio e marito, quindi non sarebbe abbandonata, se questi sono effettivamente in grado di prendersene cura. Non è chiaro se invece Lei abiti con la nonna o in una casa diversa. In ogni caso, chiarisca con i suoi familiari che è necessario che provvedano a una soluzione. Non hanno da quanto riferisce nessun elemento che consenta loro di vincolarla. Se, inoltre, ha già intenzione di occuparsi dell'assunzione di una persona che accudisca la nonna, non ci saranno rischi effettivi per la signora. Chiarisca chi deve occuparsi della retribuzione della persona incaricata e a chi questa deve fare riferimento. Suggerisco di coinvolgere altre persone in questa responsabilità, altrimenti potrebbe sorgere di fatto un presupposto per affermare che l'incaricata a tutti gli effetti della signora fosse Lei - il che, visto che ci sono altre persone anche più strettamente legate alla signora, appare ingiustificato. In bocca al lupo per tutto. Cordialmente - Avv. Paola Martinatto Maritano - Torino