utente 5097
12 gen 2021
altro

Violazione privacy tecnico riparazione telefonia

Ciao a tutti, mi trovo a scrivere dopo un evento molto sgradevole , ho portato il mio iPhone in riparazione dalle ore 16 alle ore 19 è stato in custodia del negozio riparazioni telefonia, dopo il ritiro del telefono tutto ok . Avevo lcd rotto (schermo) rientrando a casa dopo un controllo generale del telefono, mi accorgo che nella cartella “eliminati di recenti” c’era un video da me sconosciuto. Apro subito il video cancellato è noto che il tecnico ha fatto una registrazione schermo dove si vede come prima fase lui che apre il mio rullino foto e inizia a sfogliare le mie foto aprendole materialmente i file, le foto prima di aprile c’è un anteprima, e casualmente il genio ha aperto solo foto con materiale esplicito da parte mia e di mia moglie, allora il tecnico dopo la spulciata apre la fotocamera interna del mio iPhone dove si vede il suo volto e tutto il suo negozio. Coscente dell accaduto mi rendo conto che è stato commesso un reato, leggo subito la privacy che ho firmato e leggo che il tecnico è tenuto solo ad aprire la FOTOCAMERA per constatare la funzionalità dello schermo, ovvero doveva scattare una foto e controllare la qualità della foto scattata da lui. Mia moglie sta male
Risposte degli avvocati
andrea zanardi
Avvocato civilista
Milano
13 gen 2021

Buongiorno, Gentile utente. Il comportamento tenuto è certamente di particolare gravità oltre che potenzialmente parecchio lesivo della riservatezza Sua e di Sua moglie. le immagini "esplicite" potrebbero potenzialmente essere usate per i più svariati scopi ( pubblicità di chat hot..... ) o magari cedute a terzi per un utilizzo commerciale non autorizzato in alcun modo ( siti pornografici o simili..... ). Spesso i "canali di approvvigionamento" di gestori di piattaforme erotiche è costituito proprio da fotografi privi di scrupoil.......Credo sia fondamentale una AZIONE TEMPESTIVA DA PARTE SUA: In primo luogo io INOLTREREI UNA DIFFIDA CIVILISTICA, con notifica da parte dell'Ufficiale giudiziario direttamente presso il negozio..... Nella diffida si ORDINA L'IMMEDIATA RICONSEGNA DI TUTTO IL MATERIALE /SUPPORTI oltre che la ASTENSIONE DA QUALSIASI DIVULGAZIONE DEL MATERIALE (a titolo Gratuito o oneroso che sia.....). Minacciando una denuncia penale in Procura della Repubblica...... Sulla base del comportamento tenuto dalla controparte si deciderà poi, insieme ad un Collega Penalista, se procedere per l'accertamento del reato anche in via penale. il nostro Studio Legale Associato Zanardi Galimberti di Milano ( tel. 02 8058041 ) è specializzato in questo tipo di vicende e dispone di tutte le professionalità necessarie ( Avvocati Penalisti - Investigatori ) per gestire al meglio la posizione. Con i migliori saluti. Avv. Andrea Zanardi


antonino ercolano
Avvocato civilista
Sant'Agnello
12 gen 2021

Gentile Utente, da quanto descrive ci sono gli estremi per sporgere denuncia per violazione della privacy, in qunato il tecnico non era autorizzato, senza consenso, a visionare dati sensibili quale materiale fotografico. Per configurarsi il reato basta il semplice abuso (l'aver guardato). Potrebbe essere opportuno, quindi, sporgere denuncia-querela e richiedere anche il risarcimento dei danni. Se ha necessità di approfondire l'argomento resto a disposizione tramite "Consulenza diretta" attraverso il mio profilo. Cordiali saluti. Avv. Antonino Ercolano - antoninoercolano()hotmail.it


antonio d`aronzo
Avvocato tributarista
Milano
12 gen 2021

Gentile utente, la situazione richiede un approfondimento. Se ha bisogno di assistenza, può contattarmi privatamente.