Comproprietà e comodato d’uso gratuito

Domanda

sono in comproprietà con un fratello di un casolare, l’usufrutto e’ della madre dove paga imu. domanda: posso io affitare ad un amico in comodato d’uso gratuito,il quale vuole aprire un ‘attivita cullinaria. premetto che lo stabile,ha energia elettrica insufficente,non ha acqua potabile. A cosa posso andare incontro. grazie (omissis)

Risposta

Gentile utente,
il contratto di comodato d’suo gratuito se stipulato da uno dei comproprietari è valido ma il comproprietario che non è stato avvertito, può scegliere di: A) ratificare il contratto rendendo valido e quindi inattaccabile; B) non ratificarlo, pertanto chiedere l’immediata restituzione del bene ai sensi dell’art. 1810 c.c.
Pertanto, Lei in qualità di comproprietario, può dare l’intero bene in comodato d’uso gratuito ma il comproprietario, se non avvertito e se non è d’accordo, potrà chiedere in qualsiasi momento la restituzione dell’immobile, determinando così la risoluzione del contratto di comodato.
Tale principio è stato affermato dalla giurisprudenza della Cassazione con un’ importante sentenza del 2012 in materia di locazione le cui statuizioni si ritengono estensibili anche in materia di comodato.
Cordialmente

Dott.ssa Graziana Aiello

LEGGI PURE:  Usucapione sui beni ereditari