Utente 4211

05 nov 2020
diritto del lavoro

Congedo straordinario ex art 42 comma 5 dlgs 151 del 2001

Buongiorno, mi è stato negato il diritto al congedo straordinario di cui all'art 42 comma 5 dlgs 151 del 2001, adducendo che non mi spetta in base all'ordine di priorità.
Io sono parente di terzo grado, convivente con la disabile.
I soggetti che mi precederebbero sono due parenti di secondo grado, entrambi non conviventi con la disabile, che peraltro hanno dichiarato di non potere prestare assistenza.
A mio parere, il diniego è illegittimo perché nell'ordine di priorità, oltre al grado di parentela, rileva anche la convivenza, motivo per cui, in mancanza di parenti di secondo grado conviventi, il diritto deve passare ai parenti di grado inferiore.
Vorrei avere un vostro parere al riguardo per proporre eventuale impugnativa avverso il diniego.

Risposte degli avvocati

avvocato dequo
Avvocato civilista
05 nov 2020

Salve, non ritengo presenti elementi utili ad impugnare il provvedimento di diniego del congedo straordinario.


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
05 nov 2020

Buongiorno,
premesso che bisognerebbe visionare la documentazione in Suo possesso, la Sua obiezione è fondata.
L'Inps con la circolare n. 159/2013 ha chiarito che nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell'unione civile convivente, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli e le sorelle conviventi del disabile siano mancati o deceduti, può fruire del congedo un parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile.
Pertanto, nel Suo caso, il diniego pare illegittimo.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare senza impegno ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo