utente 2303
17 giu 2020
diritto del lavoro

Mobbing: quali sono gli estremi per una denuncia?

Sono titolare di un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. Sono stato messo in cig dall'ultima settimana di marzo e lo sono tuttora nonostante alcuni colleghi del mio stesso ufficio siano rientrati ed alcuni altri siano sempre stati regolarmente al lavoro. Il mio responsabile attribuisce ciò alla mia poca solerzia durante le prime settimane, in cui invece altri colleghi, pur essendo in cig, hanno lavorato più assiduamente. E'legale lavorare in regime di cig? Ci sono margini per considerare questo comportamento come mobbing?
Risposte degli avvocati
fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
17 giu 2020

Buongiorno, premesso che in cig nessun dipendente debba lavorare, se oltre alla cassa integrazione vi è anche una prova esplicita, da parte del datore di lavoro, di emarginarla ci troviamo di fronte ad un vero e proprio tentativo di mobbing. Naturalmente la questione va approfondita. Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente. Avv. Fabio Casaburo (Cell. 3280999150)


valeria pietra
Avvocato civilista
17 giu 2020

Buongiorno, durante la Cassa integrazione l'azienda non può richiederle di lavorare. Previo esame dei documenti in suo possesso ritengo che sia opportuno segnalare il tutto all'azienda. Sono a disposizione per fornirle assistenza, mi occupo di diritto del lavoro, mi può contattare tramite il sito www.avvocatopietravaleria.it. Cordiali saluti


vanessa valeria vianello
Avvocato civilista
Milano
17 giu 2020

Buongiorno, premesso che la con la CIG il datore di lavoro deve comunque garantire la rotazione dei dipendenti, per evitare discriminazioni, ma in CIG il lavoratore NON deve lavorare. Far lavorare il dipendente, è un un comportamento fraudolento. Se le necessita assistenza, mi contatti via email a vianellolex()gmail.com e sarò lieta di ricontattarla per fornirle un preventivo gratuito. Cordiali saluti.