Utente 4391

18 nov 2020
diritto del lavoro

Patrocinio gratuito: lo posso richiedere?

Vorrei porre il mio problema: da maggio 2019 sono stato assunto in una societa’ con contratto determinato in scadenza a dicembre 2019 . Che poi è stata messa in liquidazione e a tutt’oggi ancora è attiva .In accordo con il datore di lavoro alla scadenza mi avrebbe invece di avere prorrogato il contratto mi avrebbe passato alla nuova società avente lo stesso luogo di lavoro ma con diversa denominazione . Pertanto nel mese di gennaio dopo mie insistenze il giorno 11 gennaio ho iniziato a lavorare con la nuova società a tutt’oggi ancora sono in forza lavoro in questa società.
Non ho percepito per quanto riguarda la vecchia società l’ultima busta di conteggio contenente TFR e i conteggi relativi a 13° , 14° e eventuali ferie permessi di cui non capisco la descrizione nelle buste paga (sicuramente manca la 13°) e pertanto non ho percepito la relativa retribuzione .
Per quanto riguarda il contratto con la nuova società ho firmato il contratto e ho ricevuto UNILAV dove c’è scritto che sono socio lavoratore . Due mesi fa il datore di lavoro mi chiede insistentemente di firmare , come socio , lo statuto societario dicendo che avrei dovuto firmarlo a gennaio ma che per un sbaglio loro si sono dimenticati , dicendomi che se non firmavo venivo penalizzato . Precedentemente mi ha anche proposto di aprire partita IVA per poter lavorare in periodo COVID-19 in cui mi trovo in cassa integrazione , io non ho firmato lo statuto e ho risposto negativamente alla apertura della partita IVA. Per quanto riguarda gli assegni familiari mi sono stati pagati 5 mesi dopo la data in busta , per la nuova domanda degli assegni richiesta da me il 12 ottobre 2020 , inizialmente il datore di lavoro sosteneva di non doverli pagarli e di rivolgermi al CAF per ottenere i pagamenti . Si valuta anche una futura vertenza di lavoro in quanto da quando sono stato assunto gli orari di lavoro (straordinari,festivi,permessi ,ferie ) non corrispondono al conteggio delle buste paga e degli stessi sono in possesso di tutte le prove documentali e di eventuali testimoni . Al momento sono in attesa della busta paga di novembre per vedere se mi vengano pagati , nel fra tempo ho inviato una raccomandata A/R di diffida . Inoltre non ho ricevuto la busta paga della 14° 2020 e pertanto non mi è stata retribuita. Sono anche andato al CAF per informazione sul licenziamento per giusta causa e successivamente per la disoccupazione ma non ho la certezza che L’INPS la accolga . Vorrei un parere e nel caso di un intervento legale se posso usufruire del gratuito patrocinio e se ci sono spese .

Risposte degli avvocati

fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
19 nov 2020

Buongiorno,
per la mancata erogazione dello stipendio e del Tfr può rivolgersi al Tribunale per ottenere un decreto ingiuntivo di pagamento.
Inoltre, dal momento che non ha ricevuto gli ultimi stipendi ed il Tf, può dimettersi per giusta causa ed ottenere la NAPSI.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare senza impegno ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo