utente 5696
25 feb 2021
diritto del lavoro

Ritardi pagamento stipendio: posso dimettermi per giusta causa?

Buongiorno, volevo capire se con la situazione di seguito spiegata è possibile dimettersi per giusta causa. L'azienda dove lavoro versa in pessime condizioni economiche, non per mancanza di lavoro, ma per negligenza del legale rappresentante. A causa di un lassismo protratto nel tempo, sono oramai 3 mesi che ci troviamo senza una factoring che ci permetta di anticipare le fatture e avere liquidità sui nostri conti. Lo stipendio di novembre, in pagamento al 10 di dicembre 2020 è stato l'ultimo pagamento puntuale. Il giorno 8 gennaio è stato bonificata la 13esima. Lo stipendio di dicembre, in pagamento a gennaio 2021 è stato suddiviso in 3 bonifici, il primo l'11 di gennaio, il secondo il 10 di febbraio e il saldo l'11 di febbraio. Ad oggi non è ancora arrivato lo stipendio del mese di gennaio in pagamento al 10 di febbraio. Stando all'amministrazione forse prevedranno il pagamento per fine settimana prossima. Visti questi perpetrati ritardi, mi è possibile dare le dimissioni per giusta causa in modo da accedere alla naspi e nel mentre cercare un altro posto di lavoro? Vi ringrazio in anticipo Cordiali saluti
Risposte degli avvocati
fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
25 feb 2021

Buongiorno, la Corte di Cassazione ha stabilito più volte che il lavoratore deve essere retribuito regolarmente. In caso di ritardo del pagamento della retribuzione, il lavoratore può dimettersi per giusta causa se lo prevede il proprio contratto collettivo. Inoltre, non assume rilevanza il fatto che il lavoratore sia conoscenza della situazione di crisi della società. Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare senza impegno ai recapiti indicati nel mio profilo. Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente. Avv. Fabio Casaburo Torino - Milano