Utente 3385

23 ago 2020
diritto di famiglia

Abbandono tetto coniugale da parte di mia moglie: pene

Buongiorno. Mia moglie, cinese, con la quale sono civilmente sposato da 5 anni, appena prima del lockdown (8 marzo 2020) ha preferito, causa sospensione dell' attività ove lavora x il lockdown stesso, tornare nella sua città in Cina, per stare con i genitori. Io non ero d'accordo che partisse, tuttavia non ho potuto impedirglielo. Rientrerà in Italia il 16 Settembre, ovvero dopo 6 mesi dalla sua partenza. L'altro giorno ci siamo sentiti telefonicamente. Io avevo intuito che in realtà lei non ha alcuna voglia di tornare a vivere in Italia con me. E infatti, dalle nostre recenti conversazioni telefoniche, lei ha ribadito che in Cina sta molto meglio, che là non le manca nulla, che là si sente al sicuro e così via. Se così fosse, sarà per me un colpo durissimo, perchè proprio non me aspettavo , seppur qualche timida avvisaglia io la avevo percepita da qualche tempo.
Abbiamo una casa di proprietà, con mutuo co intestato e la restante parte anticipata per il 70% circa dai suoi genitori. Come devo comportarmi io ora? Non può decidere di andar via così come niente fosse....attendo riscontro.
Grazie e cordiali saluti.

Risposte degli avvocati

fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
23 ago 2020

Buonasera,
l'abbandono del tetto coniugale costituisce un illecito civile che dà diritto, in caso di separazione, all'addebito della stessa.
L'abbandono del tetto coniugale non può avvenire per semplici litigi o incomprensioni, ma devono esserci delle giuste cause:
- scoperta di un tradimento;
- violenza familiare;
- procedura di separazione già in corso.
La situazione, comunque, andrebbe approfondita.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo
(Cell. 3280999150)