utente 2814
21 lug 2020
diritto di famiglia

Accettazione tacita eredità: ratei maturati e non riscossi

Buongiorno, vorrei chiedere un vostro giudizio riguardo a una situazione abbastanza critica. Ho chiesto al patronato la pensione di reversibilità espressamente dichiarando di non voler accettare l'eredità, il funzionario mi ha fatto procedere con la richiesta dei ratei maturati e non riscossi e della pensione di reversibilità. Ho fatto richiesta anche per i miei due figli maggiorenni, non mi è stata richiesta la loro firma nè la delega. Avevo IBAN e i dati necessari. Ho successivamente scoperto che la prima richiesta comportasse accettazione tacita dell'eredità e ho prontamente bloccato la pratica prima che essi fossero liquidati, o che la pratica fosse accettata. Ora le mie domande sono due: -I miei figli non hanno mai voluto accettare l'eredità e non si sono mai presentati in patronato. La richiesta del loro pagamento è stata fatta da me. Rischiano qualcosa, non essendo presente la loro firma nei documenti caricati sul sito dell'inps? -Avendo prontamente annullato la pratica, ciò esclude un'accettazione tacita di eredità? Grazie per l'aiuto.
Risposte degli avvocati
21 lug 2020

Buongiorno, la pensione di reversibilità viene concessa dall'INPS se ci sono i requisiti richiesti dalla legge e l'eventuale rinuncia all'eredità non influisce sulla pensione. Mi contatti all'indirizzo alessimaria.77()gmail.com per eventuali chiarimenti e/o assistenza e per una prima consulenza gratuita. Cordialmente. Avv. Maria Alessi, con studio in Reggio Calabria e Frascati (ROMA).


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
21 lug 2020

Buongiorno, premesso che andrebbe visionata la documentazione a Sue mani, ma se ha provveduto a bloccare la pratica non ha nulla da temere. Inoltre, se i Suoi figli sono maggiorenni, saranno loro stessi a dover decidere se accettare o meno l'eredità. Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente. Avv. Fabio Casaburo (Cell. 3280999150)