Utente 2656

12 lug 2020
diritto di famiglia

Azione di riconoscimento: posso farlo anche se è stata adottata?

È possibile richiedere l'azione giudiziale di riconoscimento della paternità dopo l'adozione? Ho avuto una storia anni fa con una donna. Lei era incinta, ma non mi ha detto niente, perché la storia era già finita. Lei ha partorito. Adesso ho saputo che la bambina è stata "abbandonata" e, poi, data in adozione. È possibile avviare quell'azione per riconoscere la paternità ed avere in affidamento mia figlia?

Risposte degli avvocati

La questione deve essere approfondita e studiata per poter dare una risposta certa alla sua domanda.
Esiste una particolare ipotesi di inammissibilità del riconoscimento che è quella prevista dall'art. 11 comma 7° della Legge n. 184/1983 (rimasto invariato a seguito della legge n. 149/2001) secondo cui è inefficace il riconoscimento di minori in stato di abbandono per i quali sia intervenuta dichiarazione di adottabilità e l'affidamento preadottivo (Cfr. Ex Multis, Cass. civile n. 11208/2020), mentre è efficace il riconoscimento successivo alla sola dichiarazione di adottabilità.
E' quindi necessario approfondire la questione e capire bene ciò che è accaduto nel caso concreto per verificare se sussistano o meno i presupposti per poter procedere con il riconoscimento della paternità e valutare altresì altre problematiche e questioni connesse alla situazione che ha prospettato.
Se vuole approfondire la questione rivolgendosi al mio Studio Legale con sede a Milano mi contatti pure telefonicamente al numero di Cellulare 3293494541.
Un cordiale saluto.
Avv. Antonella Florio foro di Milano


Buongiorno,
Lei può agire al fine di ottenere il riconoscimento di Sua figlia.
La situazione, come da Lei illustrata, è delicata e merita approfondimente.
Se vuole, mi contatti per la fissazione di un incontro.
Il mio studio si trova in Provincia di Milano e il miei recapiti può reperirli visistando il mio sito internet.
Cordialmente.
Avv. Stefania Panzitta


13 lug 2020

Buongiorno, certamente Lei potrebbe avviare uan causa per il riconoscimento. Mi contatti pure tramite whatsapp al n. 333.3252566 e/o all'indirizzo alessimaria.77()gmail.com per eventuali chiarimenti e/o assistenza e per una prima consulenza gratuita. Cordialmente. Avv. Maria Alessi, con studio in Reggio Calabria e Frascati (ROMA).


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
12 lug 2020

Buongiorno,
premesso che la situazione andrebbe approfondita, può certamente richiedere il riconoscimento ai sensi dell'art. 250 c.c..
Se necessita di assistenza legale mi può contattare al 3280999150, sarò lieto di approfondire la questione.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo