Utente 2920

25 lug 2020
diritto di famiglia

Diritto moglie del defunto: quali sono

Buona Sera, Mio marito è morto senza lasciare testamento, il conto in banca è intestato solo a lui, il non ho firma. Il suo bancomat sembra essere smarrito. L'estratto conto che mi arriva a casa mostra conto in rosso. Poichè la famiglia aveva accesso alla casa e il bancomat è sparito, sospetto che ne siano responsabili. Controllando gli estratti conto effettivamente risultano prelievi anomali fino a tremila euro al mese, anomali in quanto mio marito a causa della malattia era allettato. Ho rinvenuto una lettera di obbligazioni, ma il direttore della banca sembra non volermi fornire informazioni ( Il direttore è amico della famiglia del defunto). A questo punto per I soldi dal conto sospetto che non ci sia nulla da fare, ma per le obbligazioni ho qualche diritto per poterle svincolare? Grazie

Risposte degli avvocati

Gentile signora, non si comprende cosa lei intenda dire quando afferma che la famiglia aveva accesso alla casa. Suppongo si riferisca a figli suoi e di suo marito, ma non ne specifica il numero.
Ad ogni modo, lei, in quanto moglie, rientra tra gli eredi legittimari cui è riservata una quota per legge. La misura dipende dal numero degli altri coeredi e dalla presenza o meno di un testamento.
Prima di ogni altra cosa dovrebbe procedere con la dichiarazione di successione. Una volta ultimata lei avrà diritto ad avere tutte le informazioni possibile alla banca.
Per quanto riguarda il bancomat avrebbe dovuto immediatamente denunciarne lo smarrimento o il furto. Potrà rivolgersi, inoltre, all'autorità giudiziaria al fine di individuare i soggetti che hanno sottratto le somme depositate, affinché le restituiscano la sua quota parte. Quanto alle obbligazioni, vale quanto già detto. Solo dopo l'apertura della successione potrà esercitare ogni diritto. Al momento provveda, se non lo ha ancora fatto, a comunicare formalmente alla banca la morte di suo marito. Solo da questo momento in poi la banca potrà essere chiamata a rispondere di eventuali ammanchi.
Cordialmente
Avv. Davide Interrante