Utente 11336

03 dic 2021
diritto di famiglia

Separazione con addebito: quali le condizioni?

Salve, Sono sposato da 13 anni, e da sempre mia moglie ha, in generale, scarsamente supportato la vita familiare, creando invece molte situazioni che solo con molta fatica siamo riusciti in un qualche modo a risolvere per andare avanti. Ultimamente, però, mi sembra che abbia perso ogni limite, con una serie di atteggiamenti che rendono molto difficile pensare di vivere con lei il presente ed in prospettiva gli anni che verranno. Due giorni or sono, pur di fronte al categorico dissenso che le avevo manifestato alcune settimane fa, senza dire niente ha preso due valigie ed è partita per una specie di piccola vacanza in Spagna, lasciando soli me ed il bambino che abbiamo in affido (dovrebbe tornare fra qualche giorno). Io penso che siano azioni inaccettabili; pensate che vi siano in linea di massima le condizioni per chiedere una separazione?

Risposte degli avvocati

fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
03 dic 2021

Buongiorno,
bisognerebbe approfondire la questione in quanto ci sono diversi aspetti da chiarire e valutare.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo
Torino - Milano


antonino ercolano
Avvocato civilista
Sant'Agnello
03 dic 2021

Gentile Utente, occorrerebbe comprendere meglio la vicenda.
La separazione, in via generale, si può richiedere in qualsiasi momento, senza che vi debba essere un motivo specifico. Potrà concordare le condizioni della separazione con Sua moglie (separazione consensuale) oppure chiederla in via giudiziaria (separazione giudiziale) nel caso vi sia conflittualità.
Se invece intende richiedere l'addebito della separazione, ai sensi dell'art. 151 c.c. le motivazioni possono essere le più varie: infedeltà coniugale, violazione degli obblighi di assistenza morale e materiale, violenza domestica, l'abbandono del tetto coniugale, violazione degli obblighi di assistenza,.. ecc.
Per quanto riguarda il viaggio di Sua moglie all'estero occorre comprenderne le modalità: se è una minivacanza concordata, in linea di massima, non è motivo di addebito. Se invece si tratta di una "fuga" riconducibile all'abbandono del tetto coniugale, sarà possibile richiedere l'addebito della separazione.
E' probabile da ciò che intuisco che vi siano i presupposti per l'addebito, soprattutto in considerazione che vi è partita lasciandola da solo con un bambino.
Se necessita di una consulenza più approfondita, per valutare insieme le possibili soluzioni, resto a disposizione. Potrà - se vuole - chiedere una consulenza diretta tramite il mio profilo.
Cordiali saluti.
Avv. Antonino Ercolano