Utente 1074

03 apr 2020
diritto di famiglia

Tempo per sporgere querela: quant'è?

Devo sporgere una querela e devo uscire dal comune di residenza,lo posso fare?I 90 giorni di tempo sono validi anche ora,o con il coronavirus sono prorogati?

Risposte degli avvocati

03 apr 2020

Gentile Sig.ra la risposta dipende molto dalla natura del fatto che intende querelare.
Premesso che la querela è un atto di estrema importanza da cui puo' dipendere l'indirizzo di un eventuale e futuro processo, ragion per cui sarebbe opportuno rivolgersi ad un difensore di fiducia, Le comunico che i termini previsti per proporre querela non sono sospesi ma sono diversi a seconda dei casi, cosi come lo sono le modalità di presentazione di essa previsti dalla Legge; dunque la risposta non può essere univoca.
La querela può essere proposta anche oralmente agli ufficiali di P.G. e se corredata di sottoscrizione autentica del suo difensore ( qualora intenda nominarlo) può' anche essere spedita a mezzo posta in piego raccomandata.
Va aggiunto che in alcuni casi come il furto ( ma anche lo smarrimento ) le denunce possono essere inoltrate attraverso il sito della Polizia di Stato.
Inoltre La informo che in caso di delitti di grave allarme sociale la Procura della Repubblica potrebbe avviare le indagini preliminari e dunque considerare la sua querela, o comunque perseguire i reati qualora venisse informata attraverso altre modalita', anche oltre il termine previsto dalla Legge ovvero 3mesi, e dunque non 90 giorni, che decorrono dal giorno in cui si è avuta la notizia di reato, tuttavia le suggerisco di attivarsi subito soprattutto se trattasi di un fatto delicato e grave, anche perché se fosse questo il caso,per il solo fatto di esserne a conoscenza potrebbe essere per legge obbligata a denunciarlo immediatamente ( es violenza sessuale subita dalla propria figlia da parte del padre)e in caso di omissione potrebbe correre il rischio di essere sottoposta ad indagini; pertanto se fosse questo il caso le suggerisco di attivarsi in maniera celere allegando eventuali
proven.
Le chiarisco che da sola e in linea di massima puo' allontanarsi dal Suo Comune di residenza per ragioni di comprovata necessità ed urgenza e tra questi può ben rientrare la proposizione di una querela.


gloria biundo
Avvocato penalista
03 apr 2020

Il recentissimo Decreto Legge “Cura Italia”, n. 18 del 17 marzo 2020 ha stabilito, nell’ambito dei giudizi civili e penali, la sospensione dei soli termini di natura procedimentale, con l’eccezione, espressamente individuata, dei termini di prescrizione dei reati (istituto giuridico di natura ibrida processuale-sostanziale). Il decreto testualmente dispone: «Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali. Si intendono pertanto sospesi, per la stessa durata, i termini stabiliti per la fase delle indagini preliminari, per l’adozione di provvedimenti giudiziari e per il deposito della loro motivazione, per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio e dei procedimenti esecutivi, per le impugnazioni e, in genere, di tutti i termini procedurali» (D.L. n. 18/2020, art. 83, co. 2). La querela, quale condizione di procedibilità nonché quale atto di impulso del procedimento penale, è atto di natura prevalentemente sostanziale e dal carattere extra-procedimentale attraverso il quale si porta a conoscenza l’Autorità giudiziaria della esistenza di una notizia di reato. La querela, e i relativi termini di presentazione, pertanto, resta fuori dal perimetro tracciato dal legislatore per l’individuazione dei termini che devono restare sospesi. I termini per la proposizione delle querele non sono quindi sospesi e si può continuare a depositarle.
Allo stato, le uniche modalità di presentazione e trasmissione dell’atto di querela ammesse sono quelle previste dall’ 337 c.p.p.
Per evitare di recarsi direttamente negli uffici pubblici, in ossequio all’isolamento sociale richiesto dal Governo, IN OGNI CASO, Le consiglio, se il termine di 3 mesi (6 mesi nel caso di reati a sfondo sessuale), non è in procinto di scadere, di attendere nuove direttive ministeriali così da spostarsi in piena tranquillità e sicurezza. Resto a Sua disposizione. Avv. Gloria Biundo gloria.biundoçlibero.it


marco sansone
Avvocato civilista
03 apr 2020

deve sporgere querela entro tre mesi. Può anche inviarla a mezzo PEC.
Anche perché difficilmente in questo periodo troverà qualcuno disposto a riceverla a mani ratificandola nel modo tradizionale.