Utente 2579

06 lug 2020
diritto minorile

Padre con precedenti penali: il figlio neonato può essere allontanato dalla famiglia?

Salve volevo chiedere un consulto riguardo la situazione di mio marito...
Lui ha un precedente riguardante delle conversazioni intercettate in macchina dove parlava di sostanze stupefacenti.
Il fatto è accaduto 5 anni fa.
Da lì ce stato il primo grado dove gli hanno dato 5 anni di pena e abbiamo fatto appello ora attendiamo il processo.
Da quel giorno non ha più avuto precedenti e da un annetto lavora e si è regolarizzato sul territorio italiano (era clandestino) Insomma da quel episodio non ha più avuto problemi e riga dritto lavorando in una cooperativa.
La mia domanda riguarda nostro figlio, nato 2 mesi fa.
Ho il terrore che quando arriverà il definitivo possa partire una segnalazione ai servizi sociali e possano portarmelo via nonostante la stabilità che abbiamo trovato e nonostante lui abbia fatto solo quell'errore li.
Potrebbero essere fondate le mie paure?

Risposte degli avvocati

08 lug 2020

Buongiorno Signora, la situazione che descrive mi sembra tranquilla e senza nulla per cui allarmarsi. Una condanna penale, anche definitiva, non fa del male al bambino, non c'è motivo per far intervenire i servizi sociali. L'importante è che la vita familiare sia stabile e sicura. Se Suo marito si sta comportando correttamente e continuerà a farlo, non c'è motivo di preoccuparsi.
Quando inizierà il processo in appello, parlatene tranquillamente anche con l'Avvocato di suo marito nel processo. Vi rassicurerà. Dopo la sentenza, in caso di eventuale condanna, il vostro Avvocato vi indicherà la strada migliore anche per l'esecuzione della pena (dove e come scontare i cinque anni, se saranno confermati). Il tipo di reato (stupefacenti) non è violento e non mette di per sè a rischio il bambino: potrete affrontare anche questo passo, se necessario, insieme e con serenità. In bocca al lupo per tutto.
Avv. Paola Martinatto Maritano - Torino