Utente 2173

09 giu 2020
diritto minorile

Violenza: a chi rivolgermi

Buongiorno vorrei delle informazioni riguardo un fatto accaduto più di 10 anni fa. Cercherò di essere più breve possibile.
All'epoca mia madre conviveva, sono stato picchiato e deriso dal suo compagno i fatti sono accaduti più o meno tra i miei 15/17 anni. Mio padre sanguino mi porto a fare un colloquio con i carabinieri del posto. Sono ricordi che ad oggi causano ancora fastidio. Aggi mi sono allontanato da questa persona e vorrei poter fare qualcosa e possibile?

Risposte degli avvocati

10 lug 2020

Per fatti così risalenti nel tempo è facile che i reati siano prescritti e dunque non più punibili. Provi a ricordare se, oltre i fatti principali da Lei accennati, si verificarono o no episodi più recenti, che potrebbero essere ricollegabili a quelli. Un cordiale saluto e augurio per una nuova vita serena, che merita.


Buongiorno, nel caso specifico si tratta di un caso di percosse ex art. 581 c.p., ai sensi del quale "Chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a 6 mesi o con la multa fino a euro 309."
Ciò detto, il reato appena descritto è perseguibile a querela della persona offesa, a condizione che la medesima venga presentata entro tre mesi. Lei scrive che suo padre la portò a fare un colloquio con i carabinieri del posto, ma non è chiaro se per "colloquio" lei intende "denuncia", o meno. In ogni caso, il reato è prescritto, oppure la denuncia da lei eventualmente presentata non è sfociata in alcun procedimento penale. In conclusione, purtroppo, il reato non è più denunciabile, essendo ormai prescritto.