utente 4047
18 ott 2020
diritto penale

Denuncia di maltrattamenti effettuata da terza persona

La madre (adottiva) della mia ragazza (32enne) mi ha denunciato per maltrattamenti verso la mia ragazza (anche a sua insaputa ): ora non possiamo vederci ne comunicare, ma la mia ragazza non voleva nè fare denuncia nè tantomeno essere allontanata. A me è stato imposto il divieto di avvicinarmi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, in particolare (500 mt. dalla casa della madre, dove peraltro nemmeno lei vuole stare, perchè lei vuole tornare da me, che però non posso farla rientrare in casa. Cosa può fare per far annullare questa misura di restrizione ? O almeno per sollecitare l'udienza dove ovviamente smentirà tutte le accuse mosse dalla madre nei miei riguardi?
Risposte degli avvocati
avvocato dequo
Avvocato penalista
19 ott 2020

Buongiorno, sono l’Avv. Arnaldo Lepore. Rispondo sinteticamente al Suo quesito: da ció che leggo è stata applicata la misura cautelare di cui all’art. 282 ter c.p. che le vieta di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa. Se il procedimento è ancora in fase d’indagine si potrebbe provare ad avanzare una richiesta di revoca della misura cautelare, provando a dimostrare, anche attraverso il Suo interrogatorio, che quanto affermato in denuncia dalla madre della Sua fidanzata è infondato. Per qualunque info puó contattarmi al numero 3388103445 Cordiali saluti.