Utente 1723

16 mag 2020
diritto penale

Risarcimento danni in sede penale: come richiederlo

Buongiorno. Sono parte civile in un processo penale partito nel 2017 e tuttora in corso.
La ex moglie del mio attuale compagno nel 2017 presa da gelosia mi ha seguito con la macchina e tamponata ripetutamente. Fino a causare un frontale che ha causato 15 GG di prognosi e stress post traumatico.
Le sue persecuzioni sono continuate attraverso pedinamenti appostamenti e lettere anonime recanti minacce. Perdurano tuttora. Sono stata riconosciuta vittima di stalking e sulla donna pendono ad oggi 4 capi di imputazione.
Nel frattempo la donna ha avuto un carcinoma non grave ed è in cura con terapia ormonale. Questo le ha permesso di allungare i tempi di giudizio non presentandosi sempre ai processi.
Il mio legale nel prossimo dibattimento ( slittato per Coronavirus al gennaio 2021) chiederà risarcimento danni subiti.
La donna nel frattempo dice di essersi aggravata, nonostante ciò mantiene un atteggiamento persecutorio costante nei miei confronti.
Le domande sono due:
La prima è si può chiedere un anticipi della sentenza penale in quanto io vivo in costante stato di perdurata paura ed ansia ? Il legale dice di no.
La seconda: se la signora si aggravasse e venisse a mancare, a chi dovrò chiedere il risarcimento danni? Si suoi eredi o andrebbe perso?
Ringrazio

Risposte degli avvocati

avvocato dequo
Avvocato civilista
17 mag 2020

Buonasera,
a mio parere è possibile richiedere l'applicazione di una misura cautelare, quando sia comprovata la situazione di pericolo per la sua incolumità. Sempre a parere personale, nel suo caso non è possibile esercitare l'azione risarcitoria nei confronti degli eredi del defunto.