Utente 1152

10 apr 2020
diritto tributario

Trasferimenti con Paypal: sono controllati?

Salve, nel corso del 2019 ho trasferito dal mio conto Paypal al mio conto corrente bancario tante piccole cifre, che però nell'arco dell'anno sono diventate una cifra molto elevata (circa 70 mila euro).
Si tratta di somme già tassate all'origine, prelevate da conti a me intestati su siti di scommesse riconosciuti dallo stato italiano (con regolare concessione) che agiscono quindi da sostituto d'imposta.
Il mio dubbio nasce per il fatto di avere prelevato queste cifre non direttamente con bonifico, bensì per il tramite di paypal. Quindi sul mio conto bancario risultano un totale annuale di circa 70.000 euro ricevuti da paypal e non direttamente dal sito scommesse sostituto d'imposta. Ovviamente il sostituto d'imposta in questione può tracciare il trasferimento verso paypal e paypal può tracciare il trasferimento verso il mio conto corrente bancario.
Come mi devo comportare in sede di dichiarazione dei redditi? È un problema che Paypal abbia sede all'estero, ma queste mie "entrate" di fatto non sono state generate all'estero, bensì su siti italiani riconosciuti dallo Stato italiano e che agiscono da sostituto d'imposta? Devo dichiarare qualcosa? Come mi devo comportare in caso di accertamenti? (Sono titolare di reddito da lavoro dipendente, circa 25.000 euro LORDI annui).
Grazie mille in anticipo.

Risposte degli avvocati

marco sansone
Avvocato civilista
11 apr 2020

Nel caso dovesse arrivarle una contestazione formale (non credo), consiglio da subito osservazioni difensive pre-accertamento.
Mi è capitato diverse volte