Utente 2438

25 giu 2020
patrimonio

Problema donazione di immobile: ne sono esclusa?

Buongiorno, vorrei sottoporvi brevemente il mio caso per un consiglio se intraprendere un'azione legale o meno.
Sono proprietaria per 1/3 di una casa appartenuta in origine a mia nonna. Gli altri 2/3 sono di mia madre che ha "donato" la sua parte se e solo se "il destinatario della donazione si impegna a sostenerla economicamente e in salute qualora ce ne fosse bisogno" così cita l'atto notarile.
A causa di questa donazione non riesco ad avere nessun prestito in quanto il mio attuale lavoro è a tempo determinato e la casa va ristrutturata partendo dall'impianto elettrico.
La mia domanda è la seguente: se voglio evitare di tener fede alla "clausola", mia madre potrebbe vendere l'immobile senza il mio consenso essendo lei la maggiore beneficiaria?
Se non fosse possibile e fossi costretta a firmare per una vendita, mi toccherebbe qualcosa del compenso finale?

Risposte degli avvocati

Buongiorno signora.
Da quel che leggo, le risposte che posso darle sono due:
- in primo luogo, per vendere la sua quota di un terzo, è sempre necessaria la sua firma, e in quel caso il prezzo riferito alla sua quota sarebbe interamente suo;
- in secondo luogo, sua madre non può costringerla a vendere anche la sua quota di un terzo. Ogni soggetto giuridico può disporre solo dei beni propri. Se poi entrambe voleste vendere il 100%, a lei spetterebbe sempre un terzo del prezzo.
Per valutare poi la possibilità di farle ottenere il mutuo, come già capitatomi con immobili in comproprietà, mi occorre visionare l'atto di donazione.
Resto a disposizione per un appuntamento in Cava de Tirreni al mio studio.
Attendo una sua risposta in modo da gestire la questione con rapidità.
Distinti saluti.
Avv. Amato


marco sansone
Avvocato civilista
25 giu 2020

Lei è e rimane proprietaria di 1/3 dell'immobile.
Per questo motivo qualsiasi cosa succede all'immobile, la terza parte compete a Lei. Se il bene è divisibile, potrebbe anche chiederne la divisione e prenderne un pezzo. Differentemente (in caso di vendita, ad esempio) ha chiaramente diritto ad un terzo del prezzo poiché dovrà comparire in atto pubblico.
Per rispondere completamente, poi, al suo quesito dovrebbe farci sapere chi è il donatario beneficiario della liberalità di sua madre.