Utente 16183

22 giu 2022
recupero crediti

Atto di pignoramento di crediti presso terzi: informazioni

Buongiorno. A causa di debiti di mia madre (ormai deceduta) il mio capo ha ricevuto l'atto di pignoramento in cui viene intimato di non versarmi più stipendio e tfr, questo perchè io risulterei l'erede e devo pagare. È possibile che venga intimato di non versarmi lo stipendio che mi spetta?

Risposte degli avvocati

Gentile Utente,
è possibile pignorare soltanto 1/5 dello stipendio e del tfr.
Per richiedere assistenza mi contatti pure all'indirizzo mail che trova nella descrizione del mio profilo.
Cordiali saluti.
Avv. Umberto Depaoli
Torino - Ivrea


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
22 giu 2022

Buongiorno,
il Suo datore di lavoro avrá ricevuto un atto di pignoramento dello stipendio nella misura di 1/5.
Se necessita, anche solo di una consulenza, mi può contattare ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo


manuela samengo
Avvocato penalista
Sanremo
22 giu 2022

Buongiorno,
se effettivamente lei ha accettato (anche in maniera implicita) l'eredità di sua madre, è tenuto anche ad onorare i suoi debiti.
Il creditore, per soddisfare il suo credito, ha a disposizione questa procedura che consiste nel pignoramento presso terzi, dello stipendio a lei dovuto, ma non integralmente naturalmente, bensi' in misura non eccedente 1/5 del suo ammontare.
Se creditore è l'Agenzia delle Entrate, pero', questo limite è diverso: 1/10 dello stipendio se questo è inferiore a 2500 euro/ mese;
1/7 se lo stipendio è inferiore a 5000 euro/mese;
1/5 se è superiore a 5000 euro/mese.
Se vengono superati questi limiti e viene quindi pignorato tutto lo stipendio, il pignoramento è nullo e bisogna rivolgersi in giustizia.
Spero di essere stata esauriente, diversamente non esiti a contattarmi.
Distinti saluti.
Manuela Samengo