Utente 4749

16 dic 2020
recupero crediti

Pignoramento: diritti del datore di lavoro

Io datore di lavoro posso rifiutarmi di pagare dei pignoramenti presso terzi dei miei operai e cosa rischio?

Risposte degli avvocati

rodolfo tullio parrella
Avvocato civilista
16 dic 2020

Non puoi rifiutarti e rischi di pagare Tu!


antonino ercolano
Avvocato civilista
Sant'Agnello
16 dic 2020

Gentile Utente, nel caso in cui Le sia stato notificato un pignoramento presso terzi, per un debito di un Suo operaio, dovrà anzitutto effettuare la dichiarazione di quantità entro 10 giorni (in cui attesta l'entità della busta paga o altri "debiti" nei confronti dell'operaio: es TFR), e dovrà poi effettuare una trattenuta sullo stipendio (1/5 mensile) fino all'estinzione definitiva del debito complessivo. Se non le trattiene è soggetto alla responsabilità del custode (ne è responsabile). Resto a disposizione nel caso necessiti di una consulenza più approfondita. Cordiali saluti. Avv. Antonino Ercolano - antoninoercolano()hotmail.it


16 dic 2020

Buongiorno,
se Lei detiene somme che spettano ai lavoratori, è tenuto a dichiararne la sussistenza e attendere le disposizioni del Giudice dell'esecuzione. Nel caso non vi siano somme, deve effettuare una dichiarazione negativa, che però può essere contestata dal creditore, al fine di dimostrare che invece Lei detiene somme dei lavoratori. Se non effettua dichiarazione, si riterrà poi che le somme si trovino presuntivamente presso di Lei, con Suo conseguente obbligo di versare il denaro in base alle disposizioni del Giudice dell'esecuzione. Cordiali saluti
Avv. Giorgio Rocca