Utente 16214

23 giu 2022
responsabilità civile

Sfratto urgente: che fare?

Salve, mesi fa sono stato sfrattato per morosità (inesistente dato che voleva essere pagato in nero, ma ovviamente ha rigirato la frittata.) Ora io mi ritrovo 10 giorni per trovare un ponte o un portico per poter dormire con la mia famiglia. La casa si è subito presenta non in regola, con infissi che non sigillano, zanzariere tagliate e muri distrutti. Noi abbiamo rifatto alcuni pavimenti, rifatto i muri e sistemato le perdite sul tetto alla carlona a nostre spese
Tutto questo nel 2012. Abbiamo continuato ad abitare qui lasciando infissi e zanzariere nel suo stato originale che ora vuole siano pagate. Il tetto ora è da rifare, gli impianti hanno 40 anni, ha voluto pagamenti in nero e pagamenti per cose che avrebbe dovuto coprire interamente lui. 2 anni fa ci ha fatto togliere il passo carrabile per esempio. Io come posso muovermi? Devo accettare e rischiare il suicidio dei miei genitori già stremati dalla crisi e cercarmi un portico o devo lottare? Ovviamente da quando si sono presentati i primi problemi noi abbiamo pagato l’affitto tranne alcuni mesi perché l’avvocato ci disse che potevamo anche non farlo data la non messa a norma ma ci sembrava strano. Oggi i giudiziari e il padrone erano sotto casa mia a urlare gli illeciti e lo sfratto ai 4 venti rovinandoci la reputazione nel vicinato di questo piccolo paesino. Se mai risponderete vi ringrazio con il cuore

Risposte degli avvocati

manuela samengo
Avvocato penalista
23 giu 2022

Buongiorno,
non mi è chiaro come sarebbe stata intentata l'azione di sfratto per morosità se non vi è un contratto registrato (lei dice "voleva essere pagato in nero").
Mancano diversi elementi di precisione per poterla aiutare in maniera efficace. Le basti comunque sapere che in un caso del genere puo' e dovrebbe farsi parte diligente nella registrazione del contratto se esistente; quindi denunciare il proprietario per aver locato l'immobile senza un contratto registrato e quindi "in nero"; dimostrare la sua permanenza nell'immobile per gli anni in cui vi ha risieduto (pagamento utenze, certificato di residenza ecc), in modo da legittimare la sua presenza nei luoghi. A questo punto il contratto, emerso con la registrazione, diventa un contratto di 4+4 anni e lei ha diritto ad eservitare il suo diritto sull'immobile per questo tempo.


elena armenio
Avvocato civilista
Brescia
23 giu 2022

Buongiorno,
non mi è chiaro se lei abbia un legale che vi sta difendendo, certamente non è possibile utilizzare atteggiamenti intimidatori e rendere note a terzi le circostanze dei vostri rapporti, ad ogni modo, per poterla aiutare bisogna conoscere i dettagli del contenzioso e il suo stadio di avanzamento.
Se è interessato ad approfondire le possibili azioni da intraprendere è necessario un confronto preliminare oppure può accedere alla consulenza diretta, visitando il mio profilo.
Cordiali saluti
Avv. Elena Armenio