Utente 1670

14 mag 2020
tutela della persona

Appropriazione indebita di foto e proiezione: che diritti ho?

Sono una fotografa. Facendo una ricerca on line, mi sono imbattuta sulla pagina di un Festival e ho scoperto che nel 2018 è stata fatta una rassegna su un tema di cui anche io mi occupo da anni.
Peccato scoprire che sulla pagina ufficiale del Festival e della rassegna siano state utilizzate proprio alcune mie foto.
L'uso delle foto è stato fatto a mia insaputa e non c'è il mio nome su nessuna di esse.
Ho constatato anche che è stato messo nel cartellone di un evento collaterale un mio cortometraggio senza che ne sapessi nulla ma con il mio nome.
E' tutto ancora visibile sul web e ho comunque fatto degli screenshot che lo dimostrano.
Mi chiedo, quanto tempo ho per agire legalmente visto che sono passati 2 anni e che denunciando potrebbero togliere le mie foto dal web? poi, quanto vale l'appropriazione indebita di foto (2 in questo caso, ma usate almeno in 4-5 contesti differenti?)
grazie mille per la risposta

Risposte degli avvocati

deborah bianchi
Avvocato civilista
20 mag 2020

Gentile Signora Paola, è chiaro che ha subito una violazione del diritto d'autore on line. Come dimostra la Sua domanda, Lei sa benissimo che per pubblicare le proprie opere i gestori del sito web avrebbero dovuto chiedere la Sua autorizzazione. Veniamo alle Sue domande. E' chiaro che se esegue una diffida nei confronti di questi signori la prima cosa che faranno sara' rimuovere le Sue foto dal web. L'utilizzo non autorizzato di foto si desume dalle Tabelle SIAE al seguente LINK: http://www.fotografi.org/siae/tariffario_siae.htm .Il tempo sono 70 anni dopo la morte dell'autore. I migliori saluti. Avv. Deborah bianchi


vanessa valeria vianello
Avvocato civilista
Milano
14 mag 2020

Buongiorno Sig.ra Paola,
La questione da lei prospettata va affrontata sotto un duplice punto di vista.
Per quanto attiene all’uso delle fotografie sul sito internet e sulle quali non è visibile il Suo nome, è necessario comprendere con quali modalità le foto sono pervenute nella disponibilità del soggetto terzo che ne ha fatto utilizzo e come sia possibile dimostrare che le foto sono state da Lei prodotte. Sarebbe almeno necessario comprendere con quali modalità le fotografie sono uscite dalla Sua disponibilità.
In merito alla vicenda del cortometraggio da Lei prodotto, nel caso sia stato proiettato, evidentemente senza il Suo consenso, può ravvisarsi una violazione della normativa sul diritto d’autore con chiari risvolti di carattere patrimoniale.
Ulteriormente, per quanto attiene alla Sua domanda sulla eventuale possibilità che sia ravvisabile un reato di appropriazione indebita, ritengo che questa fattispecie penale sia difficilmente sostenibile nel caso specifico. In ogni caso, su questo punto, sarebbe opportuno approfondire la vicenda per comprendere come il terzo soggetto sia entrato in possesso del materiale fotografico. Ad ogni buon conto, ove sia sostenibile l’appropriazione indebita, va presentata denuncia-querela entro 3 mesi dalla scoperta dell’illecito utilizzo. Aspetto temporale, quest’ultimo, che deve essere provato.
Ciò detto, mi permetto di consigliarLe di non limitarsi al solo screen-shot della pagina web poiché potrebbe non bastare ai fini probatori.
In conclusione, per valutare in quali termini è conveniente agire in sede civile ed eventualmente anche penale è necessario approfondire più diffusamente la vicenda.
Mi contatti privatamente e sarò lieta di fornirLe un primo parere gratuito in merito anche ai costi da sostenere.
Un cordiale saluto.
Avv. Vanessa Vianello tel: 345/2146424
vv.vianello()gmail.com


marco sansone
Avvocato civilista
14 mag 2020

Gent.ma Paola, non credo sia autonomamente configurabile una condotta penalmente rilevante del tipo "appropriazione indebita".
C'è - però - sicuramente un illecito civile che può essere perseguito e che può portare alla rimozione delle foto nonché alla forma risarcitoria che (previa accurata analisi della situazione) può ritenersi più satisfattiva.
Se vuole, approfondiamo.
Mi scriva su marco()avvsansone.it


valeria pietra
Avvocato civilista
14 mag 2020

Gentile signora Paola,
è ancora possibile far valere il suo diritto alla rimozione delle foto al correlativo risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale. Occorre avviare una specifica procedura giudiziale.
Sono a sua disposizione per fornirle assistenza, mi può contattare tramite il mio sito www.avvocatopietravaleria.it
Cordiali saluti