utente 2204
10 giu 2020
tutela della persona

Diritti e doveri dell\'inquilino affittuario

Buongiorno, sono conduttrice di un immobile in affitto, che il proprietario ha deciso di mettere in vendita, delegando un'agenzia. La stessa continua a mandarmi dei messaggi che io ritengo in un certo senso vessatori, del tipo "sabato mattina alle 9.30 devo far vedere la casa ad un cliente" se faccio presente di non essere disponibile ki risponde che "il codice civile mi obbliga a prestare la mia disponibilità per 2 ore, 2 volte a settimana". Conosco il mio dovere a far visitare la casa e non intralciare la vendita, ma quanto c'è di vero nelle affermazioni dell'agente immobiliare? Come viene tutelata la mia serenità? È possibile che, oltre a pagare un canone "profumato" la legge mi imponga anche di stravolgere la mia vita e assecondare le esigenze di possibili venditori? Dovrò prendere permessinda lavoro o rinunciare ad una tranquilla passegiata di sabato mattina (o anche semplicemente alla libertà di dormire fino a mezzogiorno) finché la casa non verrà venduta? Esiste davvero una legge così restrittiva e squilibrata a favore del proprietario, senza nessuna tutela per i diritti del conduttore? Ringrazio in anticipo per il cortese riscontro che vorrete darmi Cordialità
Risposte degli avvocati
vanessa valeria vianello
Avvocato civilista
Milano
10 giu 2020

Buongiorno Signora, dovendo premettere che una risposta esaustiva al suo quesito necessiterebbe di esaminare il contratto di locazione al fine di escludere l’eventuale presenza di clausole richiamanti l’obbligo di visita secondo determinate modalità, sulla base di quanto da Lei riferito è possibile osservare quanto segue. Il dovere del conduttore di rendersi disponibile a far visitare l’immobile è in ogni caso desumibile dal generico obbligo di buona fede e correttezza nell’esecuzione di qualsiasi tipo di contratto e quindi anche in quello di locazione. Ciò detto, in generale non esiste un obbligo del conduttore di rendersi disponibile a far visitare l’immobile nei termini di fasce orarie e modalità da Lei riferiti a meno di espresse pattuizioni in tal senso. Questo elemento è importante poiché nel caso in cui vi siano pattuizioni particolari in tal senso, un Suo mancato rispetto potrebbe consentire al locatore di domandare nei Suoi confronti sia la risoluzione del contratto per inadempimento sia il risarcimento del danno. Ove non siano presenti pattuizioni particolari è opportuno in ogni caso che Lei sia in condizione di dimostrare di essersi resa disponibile alle visite. Ad ogni buon conto, sulla base di quanto da Lei riferito il consiglio è quello di incaricare un Legale al fine di replicare adeguatamente alle continue richieste dell’Agenzia Immobiliare ove vi siano i presupposti in tal senso e sui quali posso formulare una valutazione all'esito dell’esame del contratto. Se gradisce, mi contatti al n. 345/2146424 oppure a mezzo email all'indirizzo vianellolex()gmail.com e sarà mia cura rimetterLe un primo parere gratuito e un preventivo per l'assistenza legale. A disposizione, saluto cordialmente.