Utente 11228

29 nov 2021
tutela della persona

Identificazione del lavoratore di una struttura comunale: posso?

Salve, dopo avere subito un'atteggiamento poco rispettoso presso una piscina comunale, da parte di un dipendente della struttura (guarda vasche/istruttore) nei miei confronti, ho chiesto a questo di comunicarmi il suo nominativo per poter comunicare alla direzione il problema del suo comportamento scorretto. Il dipendente della struttura in questione si è rifiutato di identificarsi.
Quando sono uscito alla reception, spiegando il problema alla segretaria, questa sì rifiuta di comunicarmi il nominativo del soggetto in questione(guarda vasche/istruttore), dicendomi (lasciandosi sfuggire) che questa persona mentre ero in spogliatoio a cambiarmi l'aveva raggiunta dicendole di non comunicarmi la sua identità. Quindi ho chiesto alla segretaria di darmi il nominativo della direzione(direttore o responsabile della struttura) per poter chiamare, e si è rifiutata.
Ora, stando a quanto ne so io anche se sono ignorante in materia, (http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/17-02-2010/circolare-n-310-identificazione-del-personale-contatto-con-il#:~:text=I%20dipendenti%20delle%20amministrazioni%20pubbliche,presso%20la%20postazione%20di%20lavoro.) un professionista a contatto con il pubblico dovrebbe sempre identificarsi.
Vi chiedo, potreste gentilmente spiegarmi se esistono i presupposti per rivolgermi al comando di polizia locale segnalando l'accaduto? Per mancata identificazione?
Vi ringrazio molto per la collaborazione
Buon lavoro,
cordialmente

Risposte degli avvocati

Buonasera a lei.
Mi dispiace per l'accaduto. Se ci sono state delle mancanze e/o dei comportamenti scorretti, è giusto che ci siano degli addebiti. Soprattutto se inerenti la sfera intima. Non è consono parlare di questi argomenti in pubblico. Pertanto, se crede, la invito a contattarmi direttamente.
Distinti saluti.
Prof.Avv.Antonio Leggiero