Utente 4495

25 nov 2020
tutela della persona

SEPARAZIONE: chi lascia il tetto coniugale?

Salve, avrei bisogno di una consulenza circa una causa di separazione. Al momento vivo con mio marito, e due figlie di cui una non autosufficiente, ho una casa in costruzione che mi sarà consegnata nel mese di maggio. Per questo, non avendo dimora, sono costretta a coabitare con il mio coniuge la cui casa è di sua proprietà. Lui spinge affinchè si arrivi al più presto alla separazione. Ma la mia domanda è questa: se accetto, in questo momento, la separazione sono obbligata a lasciare il tetto coniugale ?

Risposte degli avvocati

claudia odorisio
Avvocato matrimonialista
25 nov 2020

Buongiorno signora,
nell'ambito di una separazione la destinazione della casa coniugale può essere stabilita di comune accordo tra i coniugi in caso di separazione consensuale; quindi se Lei ha in idea di trasferirsi in un'altra casa e lasciare quella coniugale al marito potrà farlo, nell'ambito di un accordo più generale su tutte le altre condizioni.
In alternativa, il Tribunale solitamente assegna la casa familiare al coniuge presso cui vengono collocati i figli, che solitamente è la madre.
Dunque, sebbene sia senz'altro necessario approfondire l' intera vicenda, mi sembra difficile ipotizzare un Suo obbligo a lasciare la casa di famiglia. Qualora necessiti di una consulenza rimango a disposizione ai recapiti che trova sul mio profilo.
Cordialmente,
avv. Claudia Odorisio


fabio casaburo
Avvocato civilista
Torino
25 nov 2020

Buongiorno Signora,
premesso che la questione andrebbe approfondita poichè sono diversi gli aspetti da valutare, nel caso di una separazione, consensuale o giudiziale che sia, la casa coniugale, nella maggior parte dei casi, viene sempre assegnata alla moglie, la quale continuerà ad coabitare insieme ai figli.
Se ha necessità, anche solo per una consulenza, mi può contattare ai recapiti indicati nel mio profilo.
Resto a Sua disposizione e La saluto cordialmente.
Avv. Fabio Casaburo