utente 3847
27 set 2020
diritto di famiglia

Rifacimento tetto: chi deve pagare le spese?

Sono proprietario di un piccolo appartamento (50 mq) in provincia di pavia in un vecchio stabile di due piani cosi composto: Piano terra il mio appartamento con adiacente un appartamento di poco più grande: Sia il mio appartamento che quello adiacente hanno un ingresso indipendente dalla strada antistante. Accanto al mio ingresso vi è una porta che tramite una scala conduce al piano superiore dove attraverso un corridoio sono distribuiti 3 appartamenti (2 a dx e uno a sin). A metà del corridoio vi è una botola che immette in un sottotetto della cui esistenza non ero a conoscenza visto che non è menzionato nè nel mio atto di acquisto nè in quello degli altri coinquilini e a cui non ho mai avuto accesso visto che l'ingresso è separato dal mio e io non ho le chiavi per accedervi. Al suddetto sottotetto si accede non dalla scala condominiale che termina in corrispondenza del corridoio ma tramite la suddetta botola per mezzo di una scala a pioli da muratore che non è disponibile in loco ma deve essere trasportata lì ogni qualvolta è necessario accedere al sottotetto E veniamo al problema: uno dei condomini del primo piano ha segnalato delle perdite di acqua nel suo appartamento proventi dal sottotetto che ad una ispezione si è rivelato ammalorato alquanto con evidenti danni anche al solaio del suo appartamento e pertanto ha richiesto la partecipazione alle spese di ristrutturazione sia del tetto che del solaio in base ai millesimi riportati negli atti di acquisto di ogni singolo appartamento. Ritengo opportuno precisare che per suddetta unità immobiliare non è mai stato creato un condominio. Ritengo altresi opportuno segnalare che il tetto di cui sopra non copre per intero il mio appartamento ma solo il 50% perche il rimanente 50% è coperto da un terrazzo di proprietà ed uso esclusivo del condomino che adesso invoca l'intervento comunitario per riparare il suo danno e che da suddetto terrazzo da più di 4 anni ci sono evidenti infiltrazioni di acqua nel mio appartamento sottostante e nonostante le mie segnalazioni dapprima telefoniche e successivamente con due raccomantdate una in data 2017 e la seconda 2019 non ha mai provveduto a risolvere il problema. Il mio quesito è il seguente: Mi pare evidente che la legge mi impone di contribuire alle spese ma in quale misura: per tutti i millesimi o per il 50%? Il solaio deve essere rifatto a spese dei condomini oppure, essendo il "coperchio" del suo appartamento è a carico suo. E infine io sono tenuto comunque a contribuire alle spese per il rifacimento del tetto anche se lui non ha mai sanato il mio? Attendo consigli e soprattutto, visto che non sono del mestiere, conoscere cosa prevede in questi casi la legislazione.
Risposte degli avvocati
antonio d`aronzo
Avvocato tributarista
Milano
27 set 2020

Gentile utente, data la complessità del quesito, la invito, se vuole, a richiedere una CONSULENZA DIRETTA CLICCANDO SUL MIO PROFILO. Sarò lieto di fornirle tutta l'assistenza che desidera. Cordialmente