utente 5854
05 mar 2021
altro

Indagini Carabinieri: stanno agendo legalmente?

Salve, stamattina verso le 12:30 mi ha suonato a casa un carabiniere. Gli ho aperto e mi ha detto che doveva chiedermi se conosco una persona straniera. Quando sento il nome mi rendo conto di non conoscere quella persona e rispondo di conseguenza. Il carabiniere ovviamente mi chiede un documento d'identità, lo fotografa e compila un foglio. poi mi saluta cortesemente e va via. Premesso che non ho nulla da nascondere, ma è una procedura normale?
Risposte degli avvocati
vittorio a. marinelli
Avvocato civilista
Roma
06 mar 2021

Buongiorno, Mi sembra a intuito come la procedura sia probabilmente è corretta in quanto serva a raccogliere prove di un eventuale reato da parte di soggetti potenzialmente in grado di fornire sommarie informazioni. Tuttavia se lei necessità possiamo procedere a un approfondimento della questione in quanto dentro il mio studio, formato da 7 avvocati, vi è anche il collega particolarmente specializzato in materia di privacy. A questo proposito abbiamo anche da ultimo ottenuto un grande risultato davanti al tribunale di Tivoli E che aspettiamo a pubblicare per evitare che il garante della privacy ci faccia attento. ci troviamo a Roma e come le dicevo siamo 7 avvocati quindi un gruppo multidisciplinare in grado di analizzare ogni singolo caso a 360°. Restiamo quindi a sua disposizione per ogni approfondimento e chiarimento. I migliori saluti


Buongiorno, si la procedura è corretta. La polizia giudiziaria, i carabinieri, la guardia di finanza ed in genere tutte le forze dell'ordine hanno la possibilità di cercare e sentire liberamente, cioè senza formalità particolari, persone informate sui fatti o ritenute tali. Le sarà certamente capitato ad esempio di vedere la polizia che assume informazioni dai presnti in occasioni di incidenti stradali, dai quali potenzialmente può sempre emergere una responsabilità penale. Nulla di preoccupante quindi. Cordiali saluti. Avv. Fabio Bottinelli - Varese