utente 6377
18 apr 2021
altro

Servitù: cos'è e chiarimenti

Spett.le Avvocato. Le sottopongo per un Suo primo e informale parere quanto segue. A seguito di una successione testamentaria venivano divisi alcuni immobili tra due eredi stabilendo una servitù di transito e posa di servizi su una quota a favore dell’altra, il fondo dominante è stato definito e delimitato con precisione e chiaramente descritto nell’atto di costituzione della servitù. Il piano regolatore cittadino, dato per certo, prevedeva l’allargamento di una via che se attuato avrebbe dato un altro accesso alla pubblica via al fondo dominante, si stabilì che la servitù di transito e posa di ogni sorta di cavi e tubi avrebbe dovuto essere spostata in altro luogo a cura e spese del fondo dominante. Quel piano regolatore non fu mai attuato e in quello successivo dell’allargamento della via non vi era più traccia mantenendo lo status quo. Nel corso degli anni una parte della proprietà dominante è stata venduta ad un terzo il quale unì alla parte acquisita una sua proprietà adiacente avente accesso carraio attraverso un altro fondo sulla stessa strada. Ritengo che l’unione dei fondi comporti un aggravio della servitù tanto più grave in quanto non è stata palesata o concordata con il fondo servente; il fatto che il fondo risultante dalla fusione dei due abbia una sua uscita carraia sulla stessa strada, non palese, è una ulteriore grave anomalia. Spero di essere stato sufficientemente esaustivo per un primo parere sulla fattibilità di un accordo per una eventuale compensazione di qualsiasi natura. Distinti saluti
Risposte degli avvocati
prof. avv. domenico lamanna di salvo
Avvocato matrimonialista
Bari
18 apr 2021

Egregio Sig. La Sua richiesta merita un accurato studio e visione dei documenti iin Suo possesso. Il testatore può decidere di attribuire il diritto di servitù ad un erede o ad un legatario oppure può imporre all’erede o al legatario di concedere la servitù ad un terzo. Per una consulenza approfondita può contattarmi ai recapiti presenti sul mio profilo. Cordiali Saluti Prof. Avv. Domenico Lamanna Di Salvo