Utente 7301

10 giu 2021
altro

Vaccino covid: è obbligatorio?

Sono una cittadina di Roma, lavoro come PORTIERA di uno stabile.
Chiedo scusa per la mia ignoranza, provo ad esprimermi come meglio posso.
Volevo informazioni su come rispondere e muovermi sul lavoro, in quanto alcuni condomini, compresa l'amministratrice stanno iniziando a chiedermi, con più frequenza, se mi sono vaccinata.
Da premettere che non ho intenzione di farmi iniettare questo "liquido", oltre che ad avere reazioni allergiche ad alcuni medicinali.
Chiedo gentilmente aiuto su:
1) come posso rispondere quando mi fanno la domanda “se mi sono vaccinata”?
e come eventualmente difendermi in caso dovessero obbligarmi, perchè le domande diventano sempre più frequenti.
2) per le reazioni allergiche ai medicinali, può essere un motivo valido? Se si, cosa posso fare, cosa eventualmente richiedere.
Ringrazio anticipatamente e vi saluto, in attesa di risposta e di eventualmente come pagare i 30 euro per la consulenza.

Risposte degli avvocati

vittorio a. marinelli
Avvocato civilista
Roma
16 giu 2021

Premesso che condivido i suoi timori sembrerebbe la cosa più opportuna fornirsi di una documentazione medica attestante l'impossibilità da parte della sua persona a sottoporsi alla detta vaccinazione che al momento attuale non è obbligatoria forche per gli operatori sanitari.
In ogni caso lo Studio Marinelli & Partners è tra gli studi legali con le migliori recensioni positive in Italia su Google Maps -a oggi 159 a 5 stelle - e su altri social, tra cui StarOfService: 83 a 4,9 stelle.
Può illustrarci il suo caso chiamandoci direttamente al 3481317487 per una prima consulenza orientativa gratuita. Questo passaggio è utile a entrambi per condividere la problematica e visualizzare le possibili soluzioni.
Operiamo in tutta Italia e abbiamo rapporti consolidati con numerosi, primari studi legali italiani con i quali collaboriamo. In particolare, siamo a Roma e operiamo a Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Bari, Firenze, Savona, Imperia, Genova, Aosta, Cuneo, Alessandria, Novara, Pavia, Bergamo, Brescia, Mantova, Udine, Verona, Padova, Treviso, Vittorio Veneto, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Rimini, Massa Carrara, Livorno, Arezzo, Perugia, Foligno, Spoleto, Terni, Ancona, Rieti, Viterbo, Pescara, Benevento, Torre Annunziata, Salerno, Agropoli, Foggia, Brindisi, Taranto, Lecce, Cosenza, Reggio Calabria, Catania e Cagliari e altre città.


Buongiorno.
Attualmente è previsto lobbligo di vaccinarsi solo per gli operatori sanitari che lavorano nei vari ospedali o case di cura. Per tutti gli altri lavoratori, invece, se si lavora in un ambiente e si svolgono mansioni a rischio contagio, perché si è a stretto contatto con il pubblico o con colleghi di lavoro, rifiutando di vaccinarsi, si rischia la sospensione e poi anche il licenziamento, salvo che possa essere sufficiente indossare la mascherina chirurgica o tenersi a debita distanza dai colleghi e dal pubblico. Nel suo caso, come per la maggior parte, a mio avviso, potrebbe essere sufficiente indossare guanti, mascherina e rispettare le distanze.
Cordialmente
Avv. Vincenzo de Crescenzo
Per contatti: avvdecrescenzochiocciola.it


francesco magnosi
Avvocato giuslavorista
11 giu 2021

Gentile sig.ra, l'obbligo vaccinale, per adesso, sussiste solo per alcune categorie di lavoratori, e precisamente per il personale sanitario.
L'obbligo non è ancora stato esteso a tutti lavoratori e l'adesione al piano vaccinale rimane libera.
Premesso quindi, che sarebbe doveroso vaccinarsi, vanno comunque rispettate tutte le opinioni e le diverse volontà delle persone.
Fatta questa breve premessa, va precisato che sui luoghi di lavoro ed in generale sempre, quando si è a contatto con altre persone e si svolge un lavoro che porta a contatti frequenti, occorre osservare i protocolli e le linee guida stabilite dal governo in relazione ai luoghi di lavoro, vanno scrupolosamente e rigorosamente rispettate le regole di distanziamento sociale, occorre indossare la mascherina ed adottare tutte le altre precauzioni igieniche che abbiano osservato sinora (lavaggio delle mani con frequenza; disinfettare le mani ecc.).
Si rimane a completa disposizione per ogni ulteriore necessità.
Cordialmente
Avv. Francesco Magnosi