utente 7902
21 lug 2021
recupero crediti

Rimborso a una truffa: come posso fare?

Durante l'estate 2020 ho avuto modo di poter lavorare come animatrice. Durante questa esperienza il capo animatore è stato sostituito con un 'uomo' di 31 anni. Con lui ebbi una storia di, mi vien da dire, solo *******in quanti lui continuava a messaggiarsi con la sua 'fidanzata'. Non l'ho mai considerato totalmente onesto per questo, però il sentimento ha preso il sopravvento, tanto da farmi decidere di abbandonare l'università per poter partire con lui per la stagione invernale (mi diceva sempre: 《se continuerai questo lavoro sappi che verrai sempre con me》).
La stagione estiva finì i primi di settembre e decisi di prenotare un aereo per andare a trovarlo nella sua regione. Mi mancava, volevo vederlo. Già da un po' gli era sorta questa proposta di far animazione in crociera. Io e la mia amica, compagna animatrice, entusiaste della proposta gli fossimo che ci sarebbe piaciuto tanto poter ripete l'esperienza su una crociera.
Mi elogiava dicendomi che ero perfetta come animatrice, che mi avrebbe migliorato ecc.
Lui a quel punto pianificò quella che, a questo punto, si rivela una truffa.
Inizialmente ci chiede ad entrambe di fargli dal tabaccaio un accredito di 200 euro per un attestato formativo per animatori.
Non voleva mai scrivere nulla, sempre attento a che gli rispondessimo alle chiamate in modo da non avere tracciabilità. Mi disse addirittura che quando sarei andata a trovarlo mi avrebbe spiegato perché preferiva non parlarne al telefono.
Ovviamente anche quando fui a trovarlo, apparte 'ospitarmi' in un garage di un amico, farmi pagare a me al ristorante, portarmi a vedere lui giocare alle slot e per certo fare sesso, non mi parlò mai approfonditamente della proposta della crociera, cercava sempre di deviare il discorso.
Una volta tornata a casa da quel weekend passato con lui, ci chiese, sempre ad entrambe, altri 300€, questa volta per dei documenti, certificati fasulli per farci accettare dalla compagnia di crociere che solo lui conosceva e di cui non abbiamo mai saputo il nome. Disse che era anche un incentivo in più per farci prendere, per farci passare avanti alle 'graduatorie'.
Io inizialmente mi rifiutai di pagare ulteriormente anche perché parlandone con mia mamma qualsiasi visita medica avrei potuto farla gratuitamente grazie alla sua assicurazione sanitaria del lavoro.
Lui addirittura mi sgridò dicendomi che non dovevamo coinvolgere i nostri genitori, ne io, ne l'altra animatrice.
Alla fine mi convinse dicendomi che gli servivano tempestivamente quei documenti e che li avrebbe ottenuti solamente pagandoli.
Ovviamente io e la mia amica ci fecimo delle domande, anche perché lui non aveva tutti i nostri dati.
Noi però prese dal timore di non poter vivere quell'esperienza in crociera ci fidammo e accettammo di pagare anche quei 300€.
Io pagai di nascosto da mia madre (grazie allo stipendio minimo da me ottenuto durante la stagione estiva) in quanto lei ci tiene molto alla salute, quindi comunque se fossi dovuta partire prima mi avrebbe fatto fare qualsiasi controllo fosse stato necessario.
I mesi passarono e noi rattristite di non poter partire per la stagione invernale causa covid ci sentivamo sempre più messe da parte e a me tornò la voglia di riprendere gli studi.
Decisi a quel punto di inventarmi per me la scusa che mio nonno non stava tanto bene e che mi stavo prendendo cura di lui per questo mi stavo assegnando tanto.
Lui ci cercò con nuove proposte lavorative presso un suo grande amico di Rimini con cui aveva lavorato come animatore qualche anno fa. Ci disse inoltre che non sarebbe più partito con l'agenzia alla quale ci eravamo affidati l'estate 2020 e che noi avremmo dovuto seguirlo perché le sue proposte e i suoi stipendi erano migliori.
Noi, senza esperienza, gli dissimo okay, che avremmo accettato, anche se io non ero più tanto convinta in quanto dell'esperienza della crociera di cui aveva tanta premura ormai non se ne sentiva neanche più parlare e deviata sempre più il discorso.
Oggi mi son decisa di scrivermi in quanto mi sono stancata di questa situazione. Ne ho sofferto tanto.
Spero di non dover sborsare più nessun soldo per questa persona e spero che possa comprendere i suoi errori in modo tale da non truffare e usare più nessun altra ragazzina (io ho 19 anni). Ho utilizzato il termine usare, perché è proprio così che mi sono sentita.
Spero inoltre di poter sapere che fine hanno fatto i mille euro totali che gli abbiamo dato tra me e la mia amica, se possibile anche ottenere un rimborso.
Vi ho scritto perché voglio mettere un punto, in modo tale che non si ripeta più.
Vi chiedo un consiglio su una possibile procedura da seguire e che sia gratuita in quanto non ho più disponibilità economica.
Grazie della disponibilità.
Risposte degli avvocati
antonio d`aronzo
Avvocato tributarista
Milano
21 lug 2021

Gentile utente, mi contatti privatamente via mail o anche whatsapp per chiarire meglio alcuni aspetti.
Cordiali saluti