Francesco Vallone

Avvocato civilista
26 mag 2022
Diritto del Lavoro

Come difendersi da una causa di lavoro?

Un lavoratore che abbia ricevuto una lettera di licenziamento improvvisa o non abbia ricevuto lo stipendio, come può difendersi nella relativa causa di lavoro?

Generalmente, la controversia o cosiddetta vertenza in materia di lavoro – che può sfociare in una vera e propria causa di lavoro – è il contrasto che nasce tra un lavoratore e un datore di lavoro in merito ad alcuni aspetti del loro rapporto, quando si presume che siano stati lesi diritti o aspettative previsti dalla legge e/o dalla contrattazione collettiva, e possono riguardare aspetti sia economici sia normativi.

Le cause di lavoro seguono regole parzialmente diverse da un comune processo civile; infatti, il relativo rito, si applica solo alle controversie che presuppongono l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato. [1] 

Vediamo quali sono i vari passaggi di una vertenza di lavoro.


Passaggi vertenza di lavoro


Le parti hanno, anzitutto, tre possibilità:

  1. promuovere un tentativo di conciliazione;
  2. adire direttamente il giudice del lavoro;
  3. proporre la vertenza di lavoro innanzi al collegio di conciliazione e arbitrato

Certamente l’ultima modalità si configura come la soluzione meno dispendiosa, in quanto i costi vengono potenzialmente dimezzati e si accorciamo i tempi di una normale causa di lavoro.

Ma proviamo ad esaminare più analiticamente le altre modalità.

Cosa è il tentativo di conciliazione?


La legge [2] riconosce sia al lavoratore che al datore di lavoro la facoltà (e non più il dovere) di esperire un tentativo di conciliazione presso le Commissioni di conciliazione, istituite presso ciascuna Direzione provinciale del lavoro.

La richiesta di conciliazione, promovibile anche tramite l’associazione sindacale di appartenenza, deve essere sottoscritta dall’istante e presentata a mano o spedita con raccomandata con avviso di ricevimento (A/R).

La predetta richiesta di conciliazione deve contenere, a pena di nullità, i seguenti elementi:

1) Dati identificativi dell’istante e della controparte (nome, cognome, residenza);

2) Indicazione del luogo ove è sorto il rapporto di lavoro;

3) Indicazione del domicilio ove l’istante desidera ricevere le comunicazioni inerenti la procedura;

4) Esposizione dei fatti e delle ragioni che legittimano la richiesta.

causa di lavoro

Dopo che la richiesta di conciliazione sia stata presentata e notificata anche alla controparte, possiamo avere i seguenti esiti:

1. La controparte accetta: depositerà una memoria difensiva presso la Commissione di conciliazione, che fisserà la data per provvedere al  tentativo di conciliazione. 

Espletato il suddetto tentativo, si prospettano due scenari:


2. La controparte non accetta: ci si potrà rivolgere all’autorità giudiziaria.

Come si svolge la causa del lavoro dinnanzi al Tribunale?


Il giudice competente per le cause di lavoro è il cosiddetto tribunale del lavoro, cioè un’apposita sezione del tribunale ordinario che si occupa specificamente delle cause di lavoro, applicando le norme del processo del lavoro; nello specifico, sarà competente territorialmente quel tribunale del lavoro nella cui circoscrizione è sorto il rapporto di lavoro o si trovi l’azienda.

Come avviene l’introduzione del giudizio in una causa di lavoro?


La causa di lavoro si instaura con il deposito nella cancelleria del giudice del lavoro di un ricorso, che sostanzialmente deve contenere gli elementi specifici previsti dal codice di procedura civile [3], e cioè:


Dopo che il ricorso è depositato nella cancelleria del giudice del lavoro, la parte dovrà notificarlo alla controparte.

causa di lavoro

Come si svolge l’udienza di discussione della causa di lavoro?


Dopo il deposito del ricorso, il giudice del lavoro provvede a fissare l’udienza di discussione della causa di lavoro, che si snoda in tre fasi [4]:

  1. Fase preliminare: verifica della regolarità degli atti e del contraddittorio, interrogatorio libero delle parti ed espletamento del tentativo di conciliazione;
  2. Fase istruttoria: ammissione dei mezzi di prova e relativa assunzione degli stessi;
  3. Fase decisoria: conclusioni delle parti e sentenza.

I tempi delle cause di lavoro sono più celeri rispetto a quelli delle cause ordinarie. 

Come funziona la fase di appello della sentenza di lavoro?


Le sentenze emesse in primo grado sono provvisoriamente esecutive, ossia possono essere immediatamente utilizzate come titolo esecutivo per procedere ad un eventuale pignoramento, ma con una particolare differenza:


[1] art. 409 c.p.c.

[2] art. 410 c.p.c.

[3] art. 414 c.p.c.

[4] art. 420 c.p.c.

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!