30 nov 2022
Diritto commerciale

Istanza di fallimento: requisiti e presupposti

In cosa consiste il fallimento di un’azienda, quali sono i presupposti e le fasi di una procedura fallimentare in relazione a quanto previsto dalla Legge Fallimentare. 

Il fallimento è un istituto disciplinato in Italia dal Regio Decreto n. 267 del 1942, conosciuto anche come Legge Fallimentare

La procedura fallimentare si attiva nel momento in cui c’è una situazione di crisi di impresa che presenta presupposti soggettivi e oggettivi ben precisi. 

In alternativa alla procedura fallimentare, è possibile optare per un accordo con i creditori oppure, prima che si verifichino i presupposti del fallimento, con un accordo di ristrutturazione dei debiti. 

La procedura fallimentare è riservata agli imprenditori medio-piccoli in quanto per aziende di grandi dimensioni sono state pensate forme differenti di regolazione della crisi, come l’amministrazione straordinaria e la liquidazione coatta amministrativa. 

Analizziamo di seguito come funziona il fallimento dal punto di vista giuridico, partendo dai presupposti e analizzandone le varie fasi.


Istanza di fallimento: presupposti


Quando si parla di fallimento, bisogna distinguere tra:

  1. presupposti soggettivi;
  2. presupposti oggettivi

I presupposti soggettivi sono discplinati dall’articolo 1 della legge fallimentare, in cui vengono individuati i soggetti che possono fallire. Si tratta degli imprenditori commerciali, tra i quali non rientrano gli enti pubblici. 

Ai sensi dell’articolo 2195 c.c., gli imprenditori commerciali sono quei soggetti che si occupano delle attività:


Non ne fanno parte gli imprenditori agricoli né i soggetti che sono impiegati in una professione intellettuale. 

procedura fallimentare

Quando un imprenditore commerciale fallisce viene inteso nella sua accezione giuridica e non economica. A fallire è, dunque, la società, ovvero la persona giuridica. Può essere dichiarato fallito, nel momento in cui avviene la cancellazione dal Registro delle imprese

LEGGI ANCHE Cosa sono le cambiali

Fallimento: quali sono le eccezioni


Un imprenditore commerciale non sarà invece dichiarato fallito nell’ipotesi in cui abbia posseduto, nei 3 anni precedenti l’istanza di fallimento, tutti i 3 i requisiti presentati di seguito:

  1. un attivo patrimoniale minore di 300.000 euro;
  2. ricavi lordi annuali inferiori a 200.000 euro;
  3. un totale di debiti non superiore a 500.000 euro. 

Fallimento: presupposti oggettivi


In base all’articolo 5 della Legge Fallimentare, il presupposto oggettivo del fallimento è lo stato di insolvenza, ovvero una condizione nella quale il debitore non è più in grado di rispettare le proprie obbligazioni.

Il concetto di insolvenza è piuttosto lasco. Si ritiene comunque che:


 Il D.Lgs n. 169 del 2007 ha inoltre stabilito che il totale dei debiti scaduti e insoluti non possa essere inferiore a 30.000 euro

LEGGI ANCHE Cos’è il reato di bancarotta

Procedura fallimentare: fasi


Il fallimento potrà essere richiesto:

  1. su iniziativa privata dei creditori;
  2. dallo stesso debitore;
  3. su iniziativa pubblica da parte del Pubblico Ministero. 

Quest’ultimo può presentare istanza di fallimento al fine di esercitare l’azione penale nel corso di un procedimento penale, mentre a richiederla in un procedimento civile è il giudice. 

Fase 1. Domanda di fallimento


Avviene nella forma del ricorso al tribunale competente, ovvero quello in cui si trova la sede principale dell’impresa. Alla domanda segue una procedura propedeutica alla dichiarazione di fallimento, che prende il nome di istruttoria fallimentare

Fase 2. L’istruttoria fallimentare


Le parti – debitori, creditori e PM – vengono convocate in udienza entro 45 giorni dal deposito del ricorso. Dovrà trascorrere un minimo di 15 giorni tra l’udienza e la data di notificazione del ricorso. 

Entro 7 giorni dall’udienza sarà possibile presentare memorie, documenti e relazioni tecniche. L’imprenditore commerciale dovrà depositare obbligatoriamente:


In questa fase, si potranno adottare eventuali provvedimenti cautelari, per esempio al fine di preservare il patrimonio aziendale, che potranno essere revocati o confermati con la sentenza di fallimento o il decreto di rigetto

Fase 3: L’esito della procedura fallimentare


Casistiche Esito procedura fallimentare
Ipotesi 1sentenza di fallimento
Ipotesi 2decreto di rigetto
Ipotesi 3archiviazione del procedimento
Ipotesi 4dichiarazione di incompetenza: gli atti vengono trasmessi al Tribunale competente

Procedura fallimentare in sintesi: conseguenze


La sentenza di fallimento, oltre a essere comunicata al debitore fallito, ai creditore e al Pubblico Ministero, viene annotata nel Registro delle imprese e anche nei Registri pubblici immobiliari qualora coinvolga i beni mobili e immobili registrati al suo interno. 

La dichiarazione di fallimento potrà avere conseguenze di tipo:

  1. patrimoniale;
  2. sulla persona dell’imprenditore;
  3. di natura processuale. 

LEGGI ANCHE Cos’è la fideiussione bancaria

fallimento conseguenze fasi

1) Conseguenze patrimoniali fallimento


Il fallimento potrà l’imprenditore a perdere la disponibilità e l’amministrazione dei diritti di cui è titolare. Questa condizione prende il nome di spossessamento

I suoi atti perdono efficacia nei confronti dei creditori, anche in relazione a eventuali nuovi debiti contratti. Il patrimonio riservato ai creditori non potrà essere vincolato in alcun modo. 

2) Conseguenze sul fallito


L’imprenditore fallito viene sostituito da una figura che prende il nome di curatore fallimentare, il quale si occuperà dell’amministrazione del patrimonio e dei rapporti processuali

Il fallito dovrà consegnare al curatore fallimentare:


3) Conseguenze processuali


Il fallito, per l’articolo 43 della Legge Fallimentare, perde la sua capacità processuale in merito ai rapporti oggetto del fallimento, che passa in mano al curatore fallimentare. 

LEGGI ANCHE Cos’è la bancarotta fraudolenta

Fallimento – Domande frequenti


Quando una società fallisce chi paga i debiti?

Nel caso di fallimento di una società, i debiti saranno pagati con il suo capitale, ovvero con il valore degli immobili, gli utili in riserva, e così via. 

Chi è il curatore fallimentare? 

In caso di fallimento, è la persona che amministra il patrimonio e i rapporti processuali del soggetto fallito.


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!