26 nov 2022
Diritto del Lavoro

Aspettativa non retribuita: cos’è, come funziona la richiesta, quanto dura

Quanto dura l'aspettativa non retribuita per motivi personali? Cosa comporta? Quali sono i motivi per cui si può richiedere? Qual è la sua durata? Vediamo come si richiede e quando può essere negata.

L’aspettativa non retribuita corrisponde a un periodo di sospensione dal lavoro che può essere richiesto dal lavoratore dipendente.

In questo lasso di tempo temporaneo il lavoratore avrà diritto a mantenere il proprio posto di lavoro, ma non riceverà alcun compenso.

Alla base dell’aspettativa non retribuita troviamo la legge n. 53 del 2000, la n. 278/2000 e lo Statuto dei lavoratori, legge 300/1970, sebbene ci siano indicazioni più precise relative al singolo caso nei vari contratti collettivi nazionali del lavoro.

Di seguito esamineremo più nel dettaglio quali sono i motivi per i quali si può fare richiesta di aspettativa non retribuita (esempio per malattia, per motivi personali), come funziona la domanda, quanto dura e se può essere negata.


Aspettativa non retribuita: motivi richiesta


Nella tabella che segue sono stati raccolti i casi nei quali il lavoratore dipendente potrà richiedere l’aspettativa non retribuita.

Motivi richiesta aspettativa non retribuitaCome funziona
Aspettativa non retribuita per gravi motivi familiariChiamata anche congedo per gravi motivi familiari, ha una durata massima di 2 anni, che si potranno utilizzare in forma continuativa o frazionata.
Per i dipendenti pubblici, la durata massima corrisponde in genere a 12 mesi.
Il disagio può essere sia personale, sia riguardare la cura di altri familiari (anche non conviventi) entro il 3° grado
Aspettativa non retribuita per formazionePossono richiederla soltanto i dipendenti che hanno almeno 5 anni di anzianità, per completare la scuola dell’obbligo o per conseguire un titolo di studio di secondo grado, un diploma universitario, una laurea e tutte quelle attività formative che non vengono pagate dal datore di lavoro.
Ha una durata massima di 11 mesi
Aspettativa non retribuita per tossicodipendenzaPuò essere richiesta non solo per il lavoratore, ma anche per il coniuge o un familiare, fino a un massimo di 3 anni, durante i quali si dovrà partecipare o affiancare il familiare ai programmi terapeutici riabilitativi delle ASL.
Lo stato di tossicodipendenza dovrà essere accertato dal SERT, ovvero il servizio competente istituito presso ogni ASL
Aspettativa non retribuita per svolgimento di cariche pubbliche o sindacaliIn base all’articolo 31 L. n. 300/700, si ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per tutta la durata del mandato per i dirigenti sindacali provinciali e nazionali.
Nel pubblico, invece, l’aspettativa sindacale è solitamente retribuita (si parla di distacco)

Aspettativa non retribuita: durata


Le regole che sono state elencate nel paragrafo precedente possono subire delle variazioni in base a eventuali specifiche contenute nei singoli CCNL.

In merito alla durata, abbiamo visto che per l’aspettativa non retribuita per gravi motivi familiari, il limiti massimo è pari a 2 anni. È importante ricordare che per gravi motivi, si intendono:

  1. quelli di grave disagio personale, che non rientrino nella malattia;
  2. condizioni derivanti da patologie acute o croniche che abbiano provocato una riduzione o una perdita (temporanea o permanente) di autonomia personale, per le quali è necessaria un’assistenza continuativa;
  3. la cura e l’assistenza di un familiare, non necessariamente convivente;
  4. il decesso di un familiare.

Leggi anche Cos’è il periodo di comporto per malattia

aspettativa non retribuita

L’aspettativa non retribuita:


LEGGI ANCHE Cos’è il part time verticale

Quali sono le cariche pubbliche per le quali si può richiedere l’aspettativa non retribuita? 


Hanno diritto a richiedere un periodo di aspettativa non retribuita dal posto di lavoro:


LEGGI ANCHE Quando arriva la quattordicesima

Come si fa a mettersi in aspettativa?


La procedura da seguire per accedere all’aspettativa non retribuita dipende dalla motivazione e dal singolo CCNL. Solitamente avviene in forma scritta, presentando i documenti necessari e rispettando un preavviso di 30 giorni (che può aumentare in relazione alla durata del congedo).

Il datore di lavoro ha a sua disposizione 10 giorni di tempo per decidere di accettarla, oppure no. Per i casi più urgenti, invece, vengono solitamente previsti 3 giorni lavorativi.

aspettativa non retribuita 3

La domanda dovrà essere presentata all’ufficio del personale e al suo interno si dovranno indicare:


Per esempio, nel caso di una richiesta per motivi di salute, si dovranno presentare le certificazioni mediche per le quali si richiede la sospensione dal lavoro. Per i casi di decesso, si presenta il certificato di morte.

LEGGI ANCHE Congedo per gravi motivi familiari

Aspettativa non retribuita: può essere negata?


Ci sono alcune casistiche in cui il datore di lavoro può negare la sospensione dal lavoro ricevuta dal dipendente, come per esempio quella in cui il lavoratore abbia un contratto di lavoro a termine o sostitutivo di un’altra persona.

In alternativa, la richiesta può essere fatta slittare a un momento successivo, oppure accolta in modo parziale. Il diniego dovrà sempre essere motivato. Potrebbe per esempio essere anche dovuto a ragioni organizzative aziendali, che non consentono la sostituzione del dipendente.

LEGGI ANCHE Assenza ingiustificata: cosa rischio

Aspettativa non retribuita – Domande frequenti


Chi paga l’aspettativa del dipendente?

Trattandosi di aspettativa non retribuita, il lavoratore non avrà diritto a ricevere un trattamento economico per tutta la sua durata. 

Come funzionano i contributi durante l’aspettativa non retribuita? 

Il lavoratore non sarà pagato, in quanto non si tratta di un congedo retribuito, quindi non verranno versati i contributi previdenziali. 

Esiste l’aspettativa non retribuita per altro lavoro?

No, non si può richiedere l’aspettativa non retribuita per mettersi a fare un lavoro diverso dal proprio. 


Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!