03 mar 2021
Consulenza

Nuovo DPCM 2 marzo: cosa cambia dal 6 marzo al 6 aprile

Il DPCM approvato dal Governo Draghi il 2 marzo 2021 sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile 2021: ecco quali sono tutte le regole in vigore in materia di spostamenti, aperture e divieti da rispettare.



La zona bianca


Al momento l’unica Regione nella quale è stata istituita la zona bianca è la Sardegna: cosa cambia rispetto alle altre aree? La differenza principale consiste nel fatto che, sebbene debbano essere rispettate le misure anti-contagio, come l’obbligo di indossare la mascherina, non sono in vigore le misure restrittive che ci sono, invece, in zona gialla

Di conseguenza:


Restano ancora sospesi, invece, tutti gli eventi che comportano il rischio di assembramenti, quali fiere, congressi, pubblico negli stadi o la riapertura delle discoteche. 

Leggi anche: “Che differenza c’è tra residenza e domicilio“.

nuovo dpcm governo draghi

Spostamenti in zona gialla, arancione e rossa


Nella zone gialla, arancione e rossa resta in vigore il coprifuoco nazionale dalle ore 22:00 alle ore 5:00. Gli spostamenti tra Regioni sono vietati fino al 27 marzo, salvo che per i motivi citati in precedenza, mentre i trasporti pubblici potranno essere riempiti con una capienza massima del 50%

Le differenze relative agli spostamenti nelle 3 aree sono state elencate nella tabella che segue. 

ZonaRegole sugli spostamenti
Zona giallaCi si può spostare all’interno della stessa Regione
La visita ad abitazioni private è consentita una volta al giorno e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelli che già vivono nella casa, oltre ai minori di 14 anni e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi
Zona arancioneCi si può spostare soltanto all’interno del proprio Comune, ma resta in vigore la regola per la quale chi vive nei Comuni con meno di 5.000 abitanti può spostarsi in quelli limitrofi che non siano capoluoghi di Provincia, rispettando il limite di 30 km di distanza
La visita ad abitazioni private è consentita una volta al giorno e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelli che già vivono nella casa, oltre ai minori di 14 anni e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi
Zona rossaNon ci si può spostare all’interno del proprio Comune, se non per motivi di salute, lavoro o necessità
Le visite ad amici e parenti non sono consentite

Per quanto riguarda gli spostamenti da e per l’estero:


Bar e ristoranti


Le attività di bar e ristoranti:


La somministrazione di cibo e bevande resta consentita nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti.

Scuola


Per quanto riguarda il settore scuola, in zona rossa le attività didattiche in presenza sono state sospese del tutto nelle scuole di ogni ordine e grado, comprese le elementari e le scuole dell’infanzia, fatta eccezione per gli alunni con disabilità o che abbiano speciali bisogni educativi. 

Nella zona arancione i Presidenti di Regione avranno la possibilità di chiudere le scuole:

  1. laddove siano in vigore misure più rigide a causa della presenza della varianti del coronavirus;
  2. qualora vi siano più di 250 contagi ogni 100.000 abitanti nell’arco di 7 giorni;
  3. nei casi di peggioramento repentino del quadro epidemiologico. 

Nelle zone gialla la didattica in presenza potrà essere svolta in modo flessibile, garantendo una percentuale compresa tra il 50% e il 75%

nuovo dpcm governo draghi

Cinema, teatri e musei


Dal 27 marzo, in zona gialla, è stata introdotta la riapertura dei musei non solo nei giorni feriali, ma anche in quelli festivi e prefestivi. 

Da tale data, sempre e solo in zona gialla, è prevista la possibilità di riaprire cinema e teatri, nel rispetto delle seguenti regole:


Palestre, piscine e impianti sciistici restano, al momento, chiusi ovunque, tranne che in zona bianca. 

Attività commerciali


Nelle zone rosse saranno aperti soltanto i servizi essenziali, quali quelli alimentari e di prima necessità, oltre che le edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. Barbieri, parrucchieri e centri estetici saranno, invece, chiusi

Nelle zone gialla e arancione resta in vigore il divieto di apertura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi

Sarà istituito un tavolo di confronto tra le Regioni e le Province autonome e il Ministero della Salute, il Ministro per gli affari regionali e le autonomie e il Comitato tecnico-scientifico, al fine di monitorare e aggiornare i parametri di valutazione del rischio epidemiologico, in relazione al progressivo diffondersi delle varianti. 

Leggi anche: “Congedo per quarantena: come funziona“.

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!