20 mag 2021
Separazione e Divorzi

Si può rifiutare il divorzio?

Quali sono i casi in cui è possibile opporsi al divorzio? Quando si può richiedere la separazione senza che l'altro coniuge sia d'accordo? Vediamo di seguito quali sono le possibilità in vigore nel nostro ordinamento giuridico.

Nel nostro Paese il divorzio non è mai automatico, ma può verificarsi legalmente soltanto dopo un periodo noto come separazione. Nella pratica, si può anche rimanere separati senza divorziare

Cosa succede nell’ipotesi in cui la richiesta di divorzio arrivai da parte di un solo coniuge? Si può comunque arrivare a divorziare se uno dei due non vuole?

Nelle prossime righe sarà fornita una risposta legale a queste domande: per maggiori informazioni sul tema ci si potrà, comunque, rivolgere, a uno degli avvocati di deQuo.it


Quando può avvenire la separazione


La separazione è un periodo di transizione che può condurre due coniugi:


I coniugi hanno il diritto di chiedere la separazione, anche singolarmente, nei casi in cui la convivenza sia divenuta intollerabile. Il termine intolleranza non si riferisce soltanto a una situazione di conflittualità tra i coniugi, ma anche semplicemente alla mancanza di amore e all’impossibilità di continuare a vivere sotto lo stesso tetto. 

Nella pratica, la separazione non deve essere per forza una necessità di entrambi i coniugi: può, infatti, trattarsi della richiesta di uno solo tra i due. Le motivazioni alla base possono dunque essere anche di tipo soggettivo


Tipologie di separazione


La separazione potrà essere:

  1. di tipo consensuale, nella quale i due coniugi sono d’accordo nel presentare a un Giudice o in Comune la richiesta di separazione;
  2. di tipo giudiziale, ovvero il caso in cui i due coniugi non siano riusciti a raggiungere un accordo e si presenteranno in Tribunale per difendere i propri diritti. 

In questa seconda ipotesi, per esempio, qualora si richieda la separazione per violazione da parte del proprio coniuge dei doveri fondamentali del matrimonio, ovvero fedeltà, obbligo di convivenza e assistenza morale e materiale, si potrà ottenere l’addebito dei costi al coniuge colpevole, il quale non avrà alcun diritto a ricevere l’assegno di mantenimento

Quando il coniuge rifiuta la separazione


In caso di separazione giudiziale, sarà possibile per uno dei due coniugi opporsi alla separazione qualora sia esclusivamente volontà dell’altro. Quest’ultimo potrà, tuttavia, procedere con la separazione giudiziale, anche senza aver ricevuto il consenso dell’altro. 

Il giudice non potrà opporsi nell’ipotesi in cui soltanto uno dei due coniugi volesse la separazione. A conti fatti, quindi, opporsi alla separazione è abbastanza insensato nella misura in cui non si potrà bloccare il normale svolgimento del processo

Il nostro ordinamento giuridico prevede, comunque, la possibilità di cambiare idea: questo significa che una separazione giudiziale potrà, eventualmente, essere trasformata in una separazione consensuale, interrompendo così il processo. 

Come funziona l’opposizione al divorzio


Una delle differenze più significative che intercorrono tra la separazione e il divorzio consiste nel fatto che mentre la prima può essere concessa anche per ragioni soggettive, il divorzio avviene in presenza di una situazione oggettiva

Nella pratica dovranno trascorrere:


Ci si potrà opporre al divorzio nell’ipotesi in cui ci sia stata una riconciliazione che abbia interrotto i termini stabiliti dalla legge. 

opposizione al divorzio

Come avviene la riconciliazione


Per quel che riguarda la riconciliazione, quest’ultima potrà verificarsi sia nel corso della causa di separazione, sia dopo l’emanazione della sentenze di separazione, o dell’omologazione dell’accordo di separazione. 

La riconciliazione potrà avvenire in due modi differenti. Potrà infatti essere tacita, ovvero consistere in un comportamento che è incompatibile con lo stato di separazione, come per esempio il tornare a vivere sotto lo stesso tetto, il quale dovrà essere stabile e non temporaneo. 

In alternativa, la separazione potrà essere espressa, ovvero avvenire con una dichiarazione scritta nella quale viene messo nero su bianco che si ha intenzione di riprendere la vita matrimoniale e tutti i doveri che ne derivano. 

La riconciliazione effettiva e reale tra i coniugi rappresenta, in pratica, l’unico modo per opporsi al divorzio e porta al ripristino della comunione di vita tra i coniugi. In caso di fallimento della riconciliazione, i coniugi dovrebbero procedere con una nuova causa di separazione per poter divorziare poiché la sentenza precedente non avrebbe più validità. 

Opposizione al divorzio – Indice 


Che diritti ha la moglie divorziata?

Il divorzio comporta l’assegnazione di alcuni diritti, come per esempio l’assegno di mantenimento: ecco di cosa si tratta nello specifico

Chi paga le spese legali in caso di divorzio?

La suddivisione delle spese legali viene generalmente stabilita dal giudice, a meno che non ci sia un accordo tra le parti

Come divorziare se lei non vuole?

Il divorzio deve essere sempre preceduto da un periodo di separazione: scopri come funziona tutta la procedura