18 mag 2021
Consulenza

Decreto sostegni bis: bonus e agevolazioni

Quali sono le nuove misure che sono state inserite all'interno del decreto Sostegni bis: dai contributi a fondo perduto alle esenzioni di alcune imposte fino al bonus sulla prima casa per i giovani under 36.

Decreto Sostegni bis è stato approvato nella sua versione ufficiale il 20 maggio 2021. 

Al suo interno sono contenuti bonus e agevolazioni riservate a famiglie, professionisti, stagionali e diverse novità, come quelle relative ai mutui e alla prima casa. 

Vediamo di seguito qual è il contenuto del testo approvato dal Consiglio dei Ministri e che sarà presto pubblicato in Gazzetta Ufficiale.


Contributi a fondo perduto


Il decreto Sostegni bis ha previsto dei nuovi contributi a fondo perduto per le partite IVA attive nella data di entrata in vigore del decreto che sono state colpite dalla crisi. 

Il contributo sarà riconosciuto in modo automatico ai soggetti che hanno già beneficiato di quello previsto dal decreto n. 41/2021 per i quali non sarà, dunque, necessario presentare una nuova domanda. L’importo sarà pari a quello erogato ai sensi dell’articolo 1 del primo decreto Sostegni. 

Chi non avrà, invece, beneficiato dei contributi a fondo perduto del precedente decreto, dovrà presentare l’apposita domanda all’Agenzia delle Entrate. Il bonus sarà calcolato applicando una percentuale differente in relazione alla perdita di fatturato

In particolare, si tratta del:


L’importo massimo che si potrà ricevere non potrà mai essere superiore a 150.000 euro. Sono poi previste altre tipologie di contributi a fondo perduto, una delle quali è destinata ai titolari di partita IVA che hanno avuto dei peggioramenti del risultato economico d’esercizio nel 2020 rispetto al 2019. 

decreto sostegni bis

Il bonus affitti


Tra le agevolazioni presente all’interno della bozza del decreto Sostegni bis troviamo anche il bonus affitti pari:


Sarà applicato sotto forma di credito d’imposta sugli affitti relativi ai mesi compresi tra gennaio e maggio 2021. Tale bonus sarà rivolto ai titolari di partita IVA con un limite di ricavi e compensi fino a 10 milioni di euro nel 2019, che abbiano subito un calo medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 di almeno il 30% rispetto al 2019. 

In merito alle imprese che operano nel settore turistico-ricettivo, è stata prevista la proroga del credito d’imposta previsto dalla legge di Bilancio 2021 per il mese di maggio, senza l’applicazione di limiti a ricavi e compensi. 

IMU, Tari, canone Rai


Il decreto Sostegni bis ha introdotto alcune importanti agevolazioni anche in merito ad alcune tasse e imposte. 

In particolare:

  1. è stata prevista l’esenzione del versamento della prima rata IMU per i titolari di partita IVA che rientrano nei requisiti di accesso ai contributi a fondo perduti indicati nel decreto n. 41 del 2021;
  2. in relazione alla Tari, i Comuni delle zone maggiormente colpite dalle restrizioni anti-covid potranno applicare riduzioni e agevolazioni locali;
  3. il canone Rai 2021 sarà sospeso per le strutture ricettive, di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici e aperti al pubblico. 

Bonus sanificazione 


Un’altra conferma presente nel decreto Sostegni bis è rappresentata dal bonus sanificazione, valido anche per l’acquisto di DPI. 

Il credito di imposta per questo genere di spese relative ai mesi di giugno, luglio e agosto 2021 è stato portato al 30% e ciascun beneficiario potrà ricevere fino a un massimo di 60.000 euro. 

decreto sostegni bis

Mutuo prima casa


Il nuovo bonus per l’acquisto per la prima casa riservato ai giovani rappresenta una delle novità più significative del decreto Sostegni bis. Dall’entrata in vigore del decreto fino al 31 dicembre 2022 ci sarà l’esenzione dal versamento di imposta di registro, ipotecaria e catastale per i giovani che hanno meno di 36 anni. 

Al contempo, nello stesso periodo saranno cancellate le imposte sostitutive sui prestiti erogati ai giovani under 36 per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione della prima casa. In aggiunta, viene estesa la possibilità, per gli under 36, di accedere prioritariamente al Fondo di garanzia per la prima casa

Bonus per stagionali


Sono stati stanziati ben 40 miliardi per sostenere i lavoratori stagionali e del turismo, ai quali dovrebbe essere confermato il bonus INPS da 2.400 euro una tantum. I nuovi aiuti dovrebbero interessare anche i lavoratori operanti nel settore sportivo

Reddito di emergenza e agevolazioni per le famiglie


Il reddito di emergenza dovrebbe essere prorogato per altri due mesi, riuscendo così a coprire sia il mese di giugno sia quello di luglio 2021. Tale contributo dovrebbe essere riconosciuto anche ai soggetti che hanno terminato NASpI e DIS-COLL tra il 1° marzo e il 30 aprile 2021. 

Dovrebbe essere rifinanziato anche il bonus spesa per le famiglie in difficoltà, per il quale è stata prevista una cifra di 500 milioni di euro, che potrà essere utilizzato anche per pagare il canone di affitto e le principali utenze domestiche. 

Hai bisogno di una consulenza legale su questo argomento?
Invia la tua richiesta, hai a disposizione più di 1000 avvocati pronti a rispondere!