Circolazione Stradale

Fondo vittime della strada: cos’è, come funziona e chi risarcisce

Cos’è il fondo vittime della strada, in quali casi è previsto il suo intervento e quali sono le imprese designate per questa tipologia di sinistri stradali.

L’assicurazione RC Auto è obbligatoria per tutti i veicoli che circolano in strada: la sua funzione è proprio quella di garantire una copertura alle vittime di incidenti stradali nel caso di danni fisici, morali e al veicolo.





Tuttavia, non sono i rari i casi nei quali capita di avere un incidente con qualcuno il cui veicolo non è stato assicurato, oppure con un pirata della strada che fugge senza assumersi le proprie responsabilità. In tutto questi casi, è comunque possibile riuscire a ottenere un risarcimento grazie al Fondo vittime della strada: vediamo di cosa si tratta, come funziona e quali sono i casi nei quali è previsto, disciplinati dall’articolo 283 del Codice delle Assicurazioni.





Saranno anche elencate le imprese assicurative designate dal Fondo, alle quali rivolgersi in caso di incidente, che variano a seconda della regione, i massimali previsti, come funziona la richiesta di risarcimento e quali sono i relativi tempi di attivazione.







Fondo vittime della
strada: cos’è





Il Fondo di garanzia per le vittime della strada è stato introdotto con la legge n. 990 del 1969, abrogata con l’entrata in vigore del Codice delle Assicurazioni Private, ed è operativo dal 12 giugno 1971. Il Fondo è gestito dalla CONSAP, ovvero la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici S.p.A., sotto la vigilanza del Ministero per lo Sviluppo Economico.





cos'è il fondo di garanzia per le vittime della strada




Grazie al Fondo vittime della strada, è possibile ottenere il risarcimento di danni a cose o persone nei casi di incidenti provocati da veicoli senza assicurazione, oppure da individui che non è stato possibile identificare.





I finanziamenti alla base del fondo:









Fondi vittime della
strada: come funziona





Ci sono sei casi nei quali il Fondo di garanzia per le vittime della strada interviene e dipendono dalla tipologia di veicolo coinvolta nel sinistro. Si tratta nello specifico delle casistiche riportate in tabella.






Tipologia di
veicolo


Situazione

Veicolo non identificato

In questo caso è previsto un risarcimento per i danni alle
persone. Se il danno alle persone è molto grave, vengono risarciti anche i
danni alle cose (per i quali è prevista una franchigia di 500 euro) per un
importo superiore a 500 euro

Veicolo non assicurato

Vengono risarciti sia i danni a cose sia quelli a persone

Veicolo assicurato da una compagnia in liquidazione

Dato che la società assicurativa è in liquidazione, i
danni a cose e persone vengono risarciti dal Fondo

Veicoli che circolano senza la volontà del proprietario
I danni a persone e cose vengono risarciti dal Fondo se il proprietario riesce a dimostrare che il suo mezzo stava circolando illegalmente

Veicoli esteri con targa che non corrisponde al veicolo

Il Fondo rimborsa danni a cose e persone
Veicoli esteri spediti in Italia da uno Stato non Ue
Il risarcimento da parte del Fondo è previsto nel caso in
cui il sinistro avvenga tra la data di consegna dell’auto e i 30 giorni
successivi




Fondi vittime della
strada: la richiesta di risarcimento





Per poter accedere al Fondo di garanzia per le vittime della strada:





  1. sarà necessario dimostrare chi ha provocato il sinistro stradale;
  2. bisognerà provare il nesso esistente tra la condotta dell’automobilista del veicolo non assicurato e il danno provocato.




L’utente coinvolto nel sinistro dovrà inviare la richiesta di risarcimento alla CONSAP, la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, e alla compagnia assicurativa designata per quella determinata zona dall’IVASS, che è l’Istituto di Vigilanza sulle Imprese Assicuratrici. Il suo compito è proprio quello di selezionare le aziende delegate al Fondo vittime della strada.





La procedura per ottenere il risarcimento consiste:









La compagnia assicurativa ha a sua disposizione 60 giorni di tempo dalla richiesta di risarcimento per proporre al danneggiato un indennizzo adeguato o, eventualmente, una motivazione per la quale non è possibile ottenere un risarcimento. Il termine si estende fino a 120 giorni nel caso in cui la compagnia assicurativa che ha assicurato il veicolo incidentato fosse in fallimento.





fondo vittime della strada massimali




Fondi vittime della strada: i
massimali del risarcimento





Circolare con un veicolo che non ha una copertura assicurativa comporta il rischio di incorrere in una sanzione che va da un minimo di 841 euro fino a un massimo di 3.287 euro. Oltre a ciò, è possibile andare incontro al sequestro del veicolo da parte delle Forze dell’Ordine.





Per quanto riguarda, invece, i massimali previsti dal Fondo di garanzia
per le vittime della strada corrispondono:









Fondi vittime della
strada: le imprese designate





Le compagnie assicurative designate dall’IVASS variano in base alla regione nella quale si è verificato il sinistro: il loro compito è quello di gestire la procedura di risarcimento nei vari casi di intervento previsti.





Ai sensi del provvedimento ISVAP n. 2496 del 28 dicembre 2006, ecco quali sono le imprese designate per i sinistri avvenuti sino al 30 giugno 2015.






Compagnia assicurativa

Regioni di competenza

Indirizzo

Numero di telefono

Allianz S.p.A

Marche, Puglia

L.go Ugo Irneri, 1

34123 TRIESTE
800.553399
(Numero verde)

Generali Italia S.p.A.

Basilicata, Calabria, Campania, Friuli-Venezia
Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Sardegna, Veneto

Via Marocchesa, 14

31021 Mogliano Veneto (TV)
800.864316
(Numero verde)

UnipolSai Assicurazioni S.p.A.

Abruzzo, Emilia-Romagna, Molise

Repubblica di San Marino, Sicilia, Toscana, Trentino-Alto Adige

Via Stalingrado, 45

40128 BOLOGNA
800.182502
(Numero verde)

Società Reale Mutua di Assicurazioni

Piemonte, Valle d’Aosta

Via Corte D’Appello, 11

10122 TORINO
011.4314269

SARA Assicurazioni S.p.A.

Umbria

Via Po, 20

00198 ROMA
06.8475561
06.8475532




Ai sensi del provvedimento IVASS n.32 del 19 maggio 2015, ecco quali sono le imprese designate per i sinistri avvenuti sino al 1 luglio 2015.






Compagnia assicurativa

Regioni di competenza

Indirizzo

Numero di telefono

Allianz S.p.A

Lombardia, Marche, Lazio e Puglia

L.go Ugo Irneri, 1

34123 TRIESTE
800.553399
(Numero verde)

Generali Italia S.p.A.

Campania, Friuli-Venezia Giulia

Via Marocchesa, 14

31021 Mogliano Veneto (TV)
800.864316
(Numero verde)

UnipolSai Assicurazioni S.p.A.

Trentino Alto Adige, Toscana, Emilia Romagna,
Abruzzo, Molise, Sicilia e Repubblica di San Marino

Via Stalingrado, 45

40128 BOLOGNA
800.182502
(Numero verde)

Società Reale Mutua di Assicurazioni

Valle d’Aosta, Liguria, Piemonte e Sardegna

Via Corte D’Appello, 11

10122 TORINO
011.4314269

SARA Assicurazioni S.p.A.

Umbria e Calabria

Via Po, 20

00198 ROMA
06.8475561
06.8475532

Società Cattolica di Assicurazioni

Veneto e Basilicata

Lungadige Cangrande, 16

37126 VERONA
800.208330 (Numero verde)




Fondo vittime della
strada – Domande frequenti





Cos’è il Fondo vittime della strada?

Il Fondo di garanzia per le vittime della strada è un fondo gestito dalla CONSAP, che ha la funzione di assicurare un risarcimento agli automobilisti che sono stati danneggiati da un incidente provocato da un veicolo non assicurato o da un mezzo che non è stato possibile identificare, perché il suo conducente si è dato immediatamente alla fuga. In questo casi, è possibile fare richiesta di risarcimento rivolgendosi tramite raccomandata alla CONSAP e alla società designata per la regione nella quale si è verificato l’incidente.

In quali casi è previsto l’intervento del Fondo vittime della strada?

Il Fondo vittime della strada interviene nei casi indicati dall’articolo 283 del Codice delle Assicurazioni, ovvero in caso di sinistri causati da veicoli non identificati, da veicoli non assicurati, da veicoli assicurati da imprese assicurative in fallimento, da veicoli in circolazione contro la volontà del proprietario, da veicoli esteri con targa non corrispondente al veicolo, da veicoli esteri spediti in Italia da uno Stato che non fa parte dell’Unione europea.

Dopo quanto tempo si ottiene il risarcimento da parte del Fondo vittime della strada?

La richiesta di risarcimento va inviata tramite raccomandata alla CONSAP, ovvero la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, e alla compagnia assicurativa designata dall’IVASS, l’Istituto di Vigilanza sulle Imprese Assicuratrici, per una determinata regione. Dal momento della ricezione della richiesta, l’azienda assicuratrice ha 60 giorni di tempo per accogliere la domanda o respingerla, che diventano 120 giorni nel caso in cui il sinistro sia stato provocato da un veicolo assicurato da una compagnia assicurativa in liquidazione.

Quali sono i massimali del Fondo vittime della strada?

I massimali previsti dal Fondo di garanzia per le vittime della strada variano a seconda che il danno colpisca persone o cose: nel caso delle cose sono previsti fino a un massimo di 1.220.000 euro, mentre nel caso delle persone la cifra corrisponde a 6.070.000 euro.